Vuelle, consigli per gli acquisti. Idea Tessitori-Cefarelli

di 

26 luglio 2012

PESARO – Dovrebbe essere ormai chiaro a tutti che in questa fase della campagna acquisti la Vuelle non può permettersi il lusso di inseguire giocatori dal pedigree prestigioso o di inserirsi in aste con altre società di serie A, perciò scordiamoci di vedere il nome Pesaro accostato a nomi conosciuti alla massa e cominciamo ad abituarci ad entrare in concorrenza con formazioni di Legadue, specialmente sull’acquisto di atleti italiani.

Scavolini Siviglia-Avellino, Daniele Cavaliero

Daniele Cavaliero accetterà un ingaggio spalmato in due anni? Foto Marco Giardini

Parliamo di cifre: il budget a disposizione del presidente Del Moro, giustamente riconfermato al timone della Victoria Libertas, si aggira attualmente sul milione e mezzo in attesa delle entrate derivanti dalla campagna abbonamenti, ma non pensate che tutti i soldi verranno usati per gli ingaggi dei giocatori perché in quella cifra devono rientrare anche gli stipendi dell’allenatore, del vice, del presidente, del GM Montini, del ds Ebeling e del restante personale dello staff, più una parte destinata alla normale amministrazione di una qualsiasi società.

Verosimilmente la parte destinata agli ingaggi non dovrebbe superare il milione d’euro lordo, anche perché la Lega non permette l’attività agonistica ad una formazione che non ha depositato almeno 800.000 euro di contratti, e dovendo acquistare almeno sei o sette nuovi giocatori, non si possono inseguire atleti con ingaggi superiori ai centomila euro.

Sapendo che gli italiani di prima e seconda fascia viaggiano a cifre superiori, si cercheranno di percorrere strade alternative, chiedendo in prestito alle “big” dei giocatori in esubero, specialmente tra i ragazzi usciti dalle Juniores che invece di finire in DNA, avrebbero la possibilità di giocare una decina di minuti a partita in serie A e proseguire nella loro crescita tecnica, dalle classi ’93 e ’94 non si intravedono grandi fenomeni, ma il talento di Amedeo Tessitori o Dario Cefarelli farebbero comodo alla Vuelle.

I problemi si presenteranno nel settore lunghi dove il mercato al di là di qualche veterano (Chiacig, Casoli e il passaportato Maurice Taylor) non offre molto, il più appetibile rimane Andrea Renzi classe ’89 già nel giro della nazionale di Pianigiani, ma anche per il concittadino di Ario Costa ci si dovrebbe accordarsi con una big disposta ad acquistarlo e lasciarlo per un anno a Pesaro, così diventa più percorribile la strada dei tre lunghi stranieri più uno tra Tortù e Bartolucci

Il settore piccoli è in attesa della risposta di Daniele Cavaliero, al quale la Vuelle ha chiesto di spalmare l’ingaggio in due anni, con la prospettiva di promuoverlo in quintetto, mentre Andrea Traini aspetta dal colloquio con il nuovo coach Ticchi, assicurazioni sul suo utilizzo come primo cambio del play.

Pesaro continua ad essere in ritardo rispetto alle altre formazioni nella costruzione della squadra, anche se come giustamente sottolineato da Montini, i giocatori che interessano alla Vuelle non sono al centro di trattative serrate e qualche giorno in più potrebbe fare abbassare le richieste.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>