Prostituta minacciata e rapinata: arrestato un 29enne

di 

28 luglio 2012

MAROTTA – Arrestato un 29enne di Monte Porzio: avrebbe rapinato una prostituta residente a Marotta.

Prostituta

Servizi straordinari di controllo del territorio per i carabinieri della compagnia di Fano, che presidiano con numerose pattuglie gli svincoli autostradali, le stazioni ferroviarie di Fano e Marotta, le zone balneari e i principali luoghi di ritrovo della zona. Diversi i pregiudicati incappati nelle maglie dei controlli e sottoposti a verifiche di polizia.

Nell’ambito di tale attività, i militari della stazione di Marotta hanno tratto in arresto un 29enne residente a Monte Porzio già noto alla giustizia. L’accusa è di rapina aggravata. Nel pomeriggio di ieri, con la scusa di voler consumare un rapporto sessuale, il giovane avrebbe contattato telefonicamente una prostituta straniera presentandosi poi presso il suo domicilio di Marotta. Dopo essere entrato in casa della donna, però, avrebbe estratto un coltello a serramanico assumendo un atteggiamento violento e glielo avrebbe puntato alla gola.

Il 29enne avrebbe poi iniziato a rovistare nei vari cassetti fino a quando non si sarebbe fermato su un borsellino. A quel punto l’uomo si sarebbe dato alla fuga, prima a piedi e poi con un’autovettura di piccola cilindrata.

La donna ha telefonato al 112 richiedendo l’intervento dei militari. Una pattuglia della stazione carabinieri di Marotta si è recata subito sul posto acquisendo notizie sul fatto delittuoso e preziosi elementi investigativi che hanno poi permesso ai militari di fermare e trarre in arresto nella stessa serata il 29enne di Monte Porzio con le accuse di rapina aggravata.

Sequestrata l’arma utilizzata per la rapina (un grosso coltello a serramanico con lama di 15 centimetri circa) e recuperato quanto asportato, ammontante a 5 euro.

B. A. – queste le iniziali del presunto rapinatore – è quindi stato rinchiuso nel carcere di Pesaro. Non si esclude che il pregiudicato possa aver commesso altri analoghi episodi delittuosi sempre ai danni di giovani prostitute. Ciò confidando sul fatto che, sicuramente, le vittime, per l’illecita attività svolta, non avrebbero mai sporto denuncia alle forze di polizia. Al riguardo sono in corso ulteriori indagini da parte dei carabinieri.

Indagini che, stando a quanto riporta il sito web di Fano Tv, avrebbero portato i militari a ipotizzare un’altra rapina dello stesso giovane, perpetrata circa una settimana fa ai danni di una 34enne colombiana. L’episodio, in quel caso, sarebbe avvenuto a Fano città, precisamente in zona mare, e avrebbe fruttato ben più dei 5 euro per cui è stato incarcerato: ben 1.700 euro in contanti, o cash come dice qualcuno.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>