A Urbino la Residenza Montefeltro, una nuova struttura per anziani

di 

3 agosto 2012

URBINO – Era nei programmi elettorali del mandato del sindaco Franco Corbucci realizzare una nuova struttura per anziani. A giugno del 2009 veniva installata una gru, a indicare che presto sarebbero iniziati i lavori. C’era un clima di grande aspettativa e speranza ed anche molte diffidenze. Le notizie di sfiducia che qualcuno ha continuato a diffondere fino a pochi mesi fa sono oggi smentite: dal primo agosto la struttura è funzionante e ospita gli anziani che finora erano nella struttura “Arcobaleno”.

Una promessa mantenuta, un obiettivo raggiunto. La nuova struttura denominata “Residenza Montefeltro” è stata costruita seguendo tutte le normative nazionali e regionali, guardando al futuro. Unica e all’avanguardia per tecnologia, arredi, con servizi tv, collegamento wireless e telefono, è stata studiata come una vera e propria residenza, e non come un “istituto”. L’anziano che non è più in grado di rimanere nella propria abitazione, nella nuova struttura può trovare tutto ciò di cui ha bisogno, in un ambiente confortevole e assistito in modo professionale, qualificato, ma soprattutto personalizzato. L’umanizzazione dell’assistenza è da oggi una realtà non solo per Urbino, ma per l’intero territorio. La cooperativa che gestisce la struttura ha una comprovata esperienza nel campo e metterà in opera tutte le energie per esprimere al meglio le proprie potenzialità.

“Realizzare un’opera così importante – dice l’assessore alle politiche sociali Maria Clara Muci – è stato il frutto del lavoro delle tante persone che ci hanno creduto e che hanno collaborato strettamente. Un grosso lavoro di sinergia fra gli Assessorati e gli uffici del Comune, di “Urbino Servizi”, la ditta costruttrice, la cooperativa, la Regione Marche, il Dipartimento di prevenzione dell’Asur Marche e tutte le altre ditte hanno reso possibile il progetto e superato le tante difficoltà. Oggi che la struttura è completata, esprimo una grande soddisfazione: non è stato facile, ma ce l’abbiamo fatta. Abbiamo messo impegno, passione e abbiamo realizzato una grande e importante struttura in un luogo idoneo, vicino all’ospedale all’interno di un contesto cittadino. Abbiamo una struttura dove gli anziani di oggi, ma anche quelli di domani troveranno un luogo sicuro e confortevole quando e se ne avranno necessità. Completare un’opera di tale portata, di questi tempi, con le normative restrittive e che cambiano continuamente mi rende orgogliosa”.

Conclude l’assessore: “Le energie spese sono ripagate dalla consapevolezza che ora i cittadini hanno un servizio di alta qualità. Gli ospiti sono circa 60, ma sono già state avviate tutte le procedure per l’autorizzazione e l’accreditamento per la Residenza sanitaria assistita. Ricordo che fanno parte della nuova costruzione anche tre miniappartamenti per sei ospiti autosufficienti. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno collaborato sia alla realizzazione che al movimento degli ospiti, nella delicata fase di trasferimento: la Croce Rossa, con il suo presidente e tutti i volontari, i familiari degli anziani, gli operatori, la cooperativa, il personale dei servizi sociali. Un ringraziamento particolare va alla Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro e al suo presidente, che ci ha dato un contributo notevole. A settembre ci sarà l’inaugurazione ufficiale”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>