Itinerari cantariniani, due filmati sulla vita e opere di Cantarini (ingresso libero)

di 

11 agosto 2012

PESARO –  In occasione del IV centenario della nascita di Simone Cantarini, la presidenza del Consiglio provinciale, in collaborazione con il Comune di Pesaro, il Consiglio “Quartiere n. 3”, la Pro Loco di Candelara e l’associazione dei Marchigiani e Umbri di Milano “Mattei”, promuove l’iniziativa “Itinerari cantariniani: la vita e l’opera di Simone Cantarini”. Si tratta della proiezione di due filmati, realizzati da Mario Mancigotti, prevista per lunedì 13 e martedì 14 agosto, alle ore 21.15, nel giardino di Palazzo Ricci, in via Sabbatini aPesaro (ingresso libero), alla presenza dell’autore.
Mario Mancigotti, che interverrà con alcuni approfondimenti, ha iniziato a studiare Cantarini fin dalla tesi di laurea nel 1946. Nel 1975 ha firmato la prima monografia, pubblicata dalla Banca Popolare Pesarese. Attraverso i filmati consentirà al pubblico presente di rivivere le vicende biografiche dell’artista: il battesimo nella chiesa parrocchiale di San Cassiano a Pesaro, la consacrazione artistica presso la chiesa di San Pietro in Valle a Fano, l’ingresso nella bottega del Reni a Bologna e la successiva rottura del rapporto artistico-personale tra i due. Quindi il ritorno a Pesaro, l’amicizia con il cardinal Antonio Barberini, il viaggio a Roma, il ritorno a Bologna con l’apertura di un suo studio, la presenza presso la corte dei Gonzaga. Una gloriosa strada che si interrompe tragicamente con la prematura morte a Verona, a soli 36 anni.
I due appuntamenti rappresenteranno dunque un’ulteriore occasione per conoscere meglio questo artista, definito “genio e ribelle” nelle due mostre allestite a Fano e a Pesaro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>