“In polizia pochi uomini, mezzi e uffici sporchi”

di 

16 agosto 2012

di Pierpaolo Frega*

PESARO – Ci chiediamo da quale pianeta venga la ministra Cancellieri quando, ieri, parlando di tagli da effettuare ancora sui bilanci del Ministero dell’interno, afferma che si dovrà ridurre il danno in modo tale da poter garantire i livelli di sicurezza.

Polizia in azione

Negli ultimi dieci anni il comparto sicurezza ha subito mutilazioni tali da inficiare totalmente sul sistema sicurezza: quando è venuta a Pesaro, in occasione della visita del Presidente Napolitano, nemmeno si è degnata di fare un passaggio in Questura, non fosse altro per salutare il “suo” personale, forse è conscia che specie in piccole realtà spending review fa rima con poco personale, automezzi al limite della decenza e sporcizia. Andare incontro a critiche o constatare de visu la situazione deve essere imbarazzante.

La situazione a Pesaro è disastrosa: i continui tagli hanno colpito su tutto. Lasciamo stare il personale che oramai è una chimera, il blocco del turn over e l’elevata età dei lavoratori non fanno altro che peggiorare lo status quo. Non c’è un ufficio della Questura o dei commissariati che possa dirsi in organico, le volanti soffrono carenze croniche impedendo di fatto un controllo capillare del territorio, i commissariati di Fano e Urbino faticano a garantire un turno continuativo di controllo del territorio. Ma nei nostri uffici spending review fa purtroppo rima anche con uffici sporchi, con condizioni igienico-sanitarie disastrose. Qual è quella famiglia che dedica due ore ogni tre giorni per pulire un palazzo? Contratti di appalto al massimo ribasso stanno mandando in malora anche i sacrifici che i lavoratori compiono personalmente per mantenere decorosi gli uffici, manca la carta, persino quella igienica, si è costretti a portare detersivi scope e saponi da casa. Il parco veicolare è stremato, le pantere sono oramai gatti moribondi con migliaia di chilometri sulle spalle e tanti ancora da affrontare in barba alla sicurezza di chi le guida. In tutto questo ci si mette anche l’ipotesi sfratto per l’ufficio personale.

Amaramente il Presidente Napolitano dice che i tagli devono mantenere un principio di equità! Diteci voi quale sia perché noi non la vediamo.

Sollecitiamo la Prefettura perché riveda se non altro i canoni degli appalti per le pulizie e per la manutenzione dei mezzi. Pulizia e decoro fanno parte della nostra cultura. Accogliere cittadini in ambienti sporchi ed indegni dà un’immagine della polizia che non ci appartiene.

*Segretario provinciale Silp Cgil

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>