Angelelli-Torelli jr, esordio con vittoria per la Vis

di 

19 agosto 2012

VIS PESARO – RICCIONE 2-1
VIS PESARO (4-4-2): Foiera; Boinega, Santini, Paoli, Dominici G.; Rossini (10′ st Angelelli), A. Torelli, Ridolfi, Bugaro; G.Torelli (48′ st Pangrazi), Cremona (27′ st Di Carlo). All. Magi
RICCIONE (4-4-2): Calderoni; Mangoni, Di Michele, Sartori, Venere; Cristofaro (18′ st Mazzanti), Favero, Seccia (28′ st Giovannini), De Vita; Cocozza, Monac.  All. Ciuffetelli
ARBITRO: Magrini di Città di Castello
MARCATORI: 35′ pt De Vita (R), 22′ st Angelelli (V), 44′ st A. Torelli (V)
NOTE: Spettatori 450 circa. Ammoniti: Mangoni (R), Seccia (R), Sartori (R). Angoli: 5-3. Rec.: pt 0′, 5′ st.

 

PESARO – Come si dice zona Cesarini in inglese? Zona Torelli, oh yes. Perché con una incornata schiacciata in porta quando il cronometro segnava il minuto 89, il golden boy vissino, classe ’95, fresco reduce dal provino di Manchester sponda City, ha regalato alla Vis di Magi la prima vittoria stagionale ufficiale. Due a uno dopo essere andati meritatamente sotto, nel primo tempo, sotto i colpi di un Riccione giovane quanto sbarazzino. Due partite in una. Primo tempo da incubo, secondi 45′ da parco divertimenti. Primo tempo con 4-4-2 a specchio ma quello vissino, con Ridolfi e Torelli in mediana,  ha subito pagato in termini di copertura (Urbinati è stato lasciato fuori precauzionalmente, dopo un fastidio all’inguine accusato nei giorni scorsi).

Il tiro di Torelli è appena passato sotto Calderoni, è in arrivo Angelelli. Foto M. Fraternale Meloni

I romagnoli, probabilmente anche per via di una preparazione fisica diversa da quella biancorossa, sono partiti a palla: micidiali nelle ripartenze, praticissimi nei pressi dell’area vissina, con un paio di individualità di spicco. Alla faccia della carta d’identità che, con soli giocatori nati negli anni ’90 in distinta, ha fatto fare pur alla giovanissima  Vis una parte da Iosefa Idem. Mister Magi, alla sua prima vittoria ufficiale al Benelli, ha avuto il merito di far mantenere ai suoi ragazzi la necessaria tranquillità. Nonostante un primo tempo duro ha continuato puntando su gioco e ritmo. Non trascurabile, poi, la mossa di spostare Giorgio Torelli sulla fascia destra e inserire Angelelli per uno spento Rossini. Era pur sempre calcio d’agosto, anche se ufficiale, ma alla luce di quanto visto nel secondo tempo, questa Vis ha dimostrato di poter dir tranquillamente la sua. Ottima scoperta Bugaro (devastante il primo passo, micidiale il calcio sinistro), bene Cremona, in netta fase di maturazione sia Ridolfi e che Alberto Torelli. Gli altri, chi più chi meno, si sono confermati con una menzione speciale per capitan Paoli subito apparso sul pezzo. E non solo per il salvataggio sulla linea effettuato su Monac nel primo tempo. Resta inteso che, per disputare un campionato senza affanni, in questa rosa dovrebbe essere aggiunto un altro attaccante di un certo spessore. Una seconda punta in grado, all’occorrenza, di giostrare anche da prima.

 

LA CRONACA

Si parte, la Vecchia Guardia canta: “Peppe Magi uno di noi”

al 1′ Bugaro vince un contrasto e lancia Cremona che viene anticipato dal portiere.

112 giorni dopo, la Vis torna al Benelli. L’ultima volta col Riccione? Uno a zero, con gol di Vicini (assente per un problema alla schiena) e grave infortunio a Omiccioli (ancora oggi alle prese col recupero)

All’8′ Ridolfi vede Dominici che, molto alto, mette in mezzo teso: Cremona non ci arriva di testa.

Al 23′ Ridolfi perde un contrasto a centrocampo, Cristofaro s’invola sulla destra in velocità su Santini, mette in mezzo ma Monac in controtempo non ci arriva. Risposta Vis: Torelli lancia Bugaro che ci arriva e scondella in mezzo, la difesa del Riccione pressata mette fuori.

Al 27′ Monac salta in uscita Foiera e gira in rete, Paoli salva a porta vuota.

Al 30′ punizione a giro di Bugaro: Calderoni si distende e devia in angolo.

Minuto 31: Cristofaro parte centralmente, Cocozza gira debolmente: Foiera c’è.

Ci prova Ridolfi dai 25 metri: tiro teso, alto di poco.

Rossini si vede poco, Santini sembra ancora un po’ legnoso, Dominici parte bene ma poi si fa risucchiare dallo sgusciante Cristofaro. Cremona c’è, si vede, si fa sentire.

Vantaggio Riccione: al 35′ De Vita, classe ’95, sul filo del fuorigioco, a centro area, in pratica si autolancia e batte Foiera. Il guardalinee sbandiera il fuorigioco, Magrini lo sbugiarda convalidando lo 0-1

Al 38′ Alberto Torelli di prima intenzione su ribattuta cross di Boinega: forte e centrale, parata di Calderoni.

La Vis, con 5 under in campo, va a fiammate ma non cambia ritmo, fa poco filtro a centrocampo: la difesa sbanda centralmente.

Magi inverte Giorgio Torelli con Rossini

Secondo tempo:

Al 1′ Dominici lanciato a rete si fa murare, dalla sinistra, da Calderoni in angolo.

Al 3′ Missile terra aria di Bugaro: Calderoni si salva con i pugni

Al 13′ Semirovesciata di Bugaro bloccata a terra, su sventagliata di Paoli

Al 23′ pareggio della Vis: Giorgio Torelli vince il contrasto con Venere, scarica in porta, Calderoni si lascia passare sotto la palla e Angelelli la spinge dentro: 1-1

Al 33′ Di Carlo si presenta con un doppio dribblig in area e una conclusione sul palo. Che sfortuna!

Al 34′ Bugaro entra in area palla al piede e subisce un contatto molto dubbio.

Al 35′ ancora Bugaro: diagonale fuori di poco

Al 44′, angolo per la Vis: Alberto Torelli, di testa, schiaccia in porta. E’ la rete del 2-1 finale. In pieno recupero, Boinega salva di tacco a centro area sugli sviluppi di un traversone romagnolo. Il Benelli tira un sospiro di sollievo: la Vis va avanti e domenica prossima riceverà la Jesina.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>