Mariella Devia fa impazzire il popolo del Rof

di 

20 agosto 2012

PESARO – La “signora della lirica” fa impazzire il pubblico del Rof. Impossibile, nell’ambito di una storia che dura da trentadue anni, fare una classifica, una hit parade dei successi, ma quello ottenuto questo pomeriggio da Mariella Devia può essere collocato sul podio senza timore di smentite. Magari a pari merito con altri, per esempio quelli nella “conchiglia” allestita in Piazza del Popolo, ma sicuramente sul podio.

Mariella Devia ha deliziato il pubblico di Pesaro

Mariella Devia ha deliziato il pubblico di Pesaro

“Che si mantenga a lungo, perché quando smetterà di cantare resteremo senza una fuoriclasse, lei è un soprano eccelso, nessuna al momento l’avvicina” commentava, a fine concerto, uno dei tanti estimatori che hanno assediato l’uscita dei camerini. Un assedio durato a lungo, che ha messo a dura prova la cantante ligure, stanca per il concerto, felice per il risultato.

Accompagnata dall’Orchestra Sinfonica G. Rossini diretta dal maestro Antonino Fogliani, Mariella Devia ha emozionato il pubblico che ha gremito il Teatro Rossini. Un pomeriggio torrido fuori e bollente dentro. Due bis, dopo un programma intenso, ricco, di grandissimo valore artistico, un programma da Mariella Devia. E il pubblico non sarebbe andato via, conscio che appuntamenti simili sono irripetibili.

“Mariella Devia rappresenta la differenza tra il Rof dei giovani e quello dei fuoriclasse” ha detto – giustamente – una spettatrice. Bisognerà farsene una ragione. Intanto, però, è stato fantastico ascoltare una voce meravigliosa, senza eguali, registrare la padronanza assoluta, la perfezione della tecnica, la capacità di attraversare le situazioni più impervie come se bevesse un bicchiere d’acqua.

L’attacco di “Casta diva” è un gioiello, la cavatina di Amenaide “Di mia vita infelice…” (Tancredi) un confronto improponibile per chi la eseguirà in futuro.

Il pubblico ha ripagato con attenzione, ammirazione, commozione, affetto, malgrado la solita maleducazione di chi – malgrado gli annunci in più lingue prima del via – ha tenuto acceso un telefono cellulare. Neanche il tormento della suoneria ha scalfito il momento…

“Ma lei – ha detto un giovane ammiratore – può cantare tutto senza scomporsi, anche Jesus Christ Superstar”.

Già, Mariella Superstar ha regalato al 33° Rossini Opera Festival una pagina indimenticabile. Anche il sovrintendente Gianfranco Mariotti era emozionato. E così Fabio Brisighelli, storico critico dorico che segue il Rof dal primo giorno: “Con una voce così, che ci frega dello spread!”.

Un commento to “Mariella Devia fa impazzire il popolo del Rof”

  1. florio pareschi scrive:

    immaginate gli occhi di un pubblico bramante accaldato, lei arriva …minuta … sola …fresca… serena..avvolta in una maglina di seta che la trasforma in una icona di Lalique…. poi … ..senza dover accordare nessuno strumento ……suona perchè la voce di Mariella Devia è un suono perfetto che nessuno con il canto riesce ad eguagliare.
    Studio vita dedicata al canto con tanta voglia di essere sempre al massimo della forma per il suo pubblico adorante e critico, ma da sempre estasiato con esibizioni al massimo della difficolta’ stilistica e canora..Grazie Signora Mariella Devia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>