Di Domenico attacca Signoretti: “A questo punto si dismettano i servizi dell’infanzia”

di 

29 agosto 2012

PESARO – “Come paventato oltre un anno fa, il Comune continua la sua dismissione dai servizi educativi. Con la scusa del blocco delle assunzioni, con quella della riorganizzazione, stanno smantellando un servizio che da 30 anni era diventato il fiore all’occhiello dell’amministrazione comunale”.

Alessandro Di Domenico

Il consigliere Pdl Alessandro Di Domenico

Così Alessandro Di Domenico in un comunicato recapitato agli organi di stampa locali stamattina. Il consigliere comunale del Pdl continua: “Ma sul tavolo delle discussioni è rimasta anche la statalizzazione della scuola dell’infanzia Prato fiorito. A nulla è servito lo sforzo del Comitato di gestione a formulare tesi o proposte per cercare un punto di incontro con l’assessore; la consulta e la commissione competente non hanno ricevuto nessuna comunicazione a riguardo e neppure sulla esternalizzazione del Peter Pan. Ed allora, riprendendo i temi posti dal comitato di gestione del Prato Fiorito per individuare un plesso da statalizzare, visto che ormai è deciso, credo sia opportuno intraprendere questo percorso con un plesso che meglio interpreti questi parametri.

Infatti se un plesso comunale deve essere statalizzato, meglio sarebbe se molto vicino ad una scuola elementare statale; per cercare di non creare troppa confusione alle famiglie, meglio sarebbe se l’asilo fosse abbastanza piccolo; inoltre anche la dislocazione geografica può essere importante assieme alla vicinanza alla scuola elementare; e non da poco è che l’asilo abbia come metodi pedagogico quello delle classi omogenee, così che i bambini non abbiano confusione come avverrebbe per le classi miste.

Su questo piano la scelta potrebbe ricadere sulla scuola materna comunale Il Filo Rosso di Via delle Galligherie, vicino alla scuola elementare Carducci la cui dirigente aveva espresso la necessità di maggiori spazi e che quel plesso comunale potrebbe essere l’equa razionalizzazione”.

Chiosa Di Domenico: “Come mai Signoretti non prende una posizione anche su questo tema? Quale promesse deve mantenere per aver voluto “condannare” la scuola Prato Fiorito? Perché non ha voglia di spiegare perché sì alla statalizzazione del Prato Fiorito? Perché assumono vigili urbani e non assumono insegnanti? Perché la maggioranza ha respinto la mozione di sfiducia solo per solidarietà all’assessore senza un ragionamento pedagogico adeguato? Perché la commissione servizi educativi non ha affrontato approfonditamente questo tema, ma solo sfiorato solo dopo le mie sollecitazioni, e non lo ha sviluppato adeguatamente il dibattito nonostante le mie pressioni e richieste, nonché quelle del Comitato di gestione del Prato Fiorito?

C’è solo una risposta: irresponsabilità! Loro vadano avanti così, che il 2014 è vicino, e speriamo che anche chi oggi ha dato fiducia a questo misero centrosinistra, domani si ricreda e possa sposare l’idea dell’alternanza. Grazie Signoretti”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>