Basket City o parole?

di 

3 settembre 2012

da Alberto Nicolini  (Confcommercio) riceviamo e pubblichiamo:

Sono trascorsi, sì e no, tre mesi dalla semifinale dei playof di pallacanestro e l’ex Basket City (Pesaro…) ha già dimenticato tutto.

La coreografia del tifo biancorosso in gara 4 contro la Bennet

C’erano 9.000/10.000 tifosi accaniti sugli spalti dell’Adriatic Arena, disposti a tutto, anche a lunghe file sotto il sole cocente per accaparrarsi i biglietti, pur di vedere il basket spettacolo della Scavo-Siviglia contro Cantù e Milano.

Un tifo ed un coinvolgimento della città, che non si vedeva da anni ed anni : tutto bellissimo.

Poi, la difficile situazione economica ha causato un drastico ridimensionamento del budget disponibile per il prossimo campionato della Vuelle Libertas.

E’ in questo momento che ci sarebbe stato enorme bisogno del sostegno e della partecipazione dei 9.000/10.000 “pesaresi sfegatati” : alcuni di loro hanno contribuito economicamente, con una sorta di azionariato popolare, che ha permesso di raggiungere la stratosferica cifra di circa 8.000 euro…gli altri “tifosi”, come durante tutto il campionato, hanno preferito continuare a “giocare all’allenatore”, a lamentarsi e a criticare le varie scelte della società.

In fin dei conti, costa molto meno comportarsi così, che “tirare fuori” dalle tasche 50 euro…

Mi piacerebbe che, in questo caso, i pesaresi dimostrassero di saper fare i fatti e non solo le p…..

I fatti si fanno presso le filiali di Banca di Pesaro.


5 Commenti to “Basket City o parole?”

  1. Lele scrive:

    Fandonie.
    Se vuoi vi lascio anche il mio IBAN se proprio volete buttare via i soldi.
    Ma dico, vi sembra una cosa seria? Davvero?
    A me sembra una buffonata.
    Che senso ha buttare 50 euro a fondo perduto, per permettere alla società di comprare
    un Urbuis qualsiasi?
    Il tifoso contribuisce con biglietti ed abbonamenti, ed eventualmente con prodotti di
    merchandising (questo sconosciuto)….
    E non mi parlate di azionariato popolare, che questo non lo è!

  2. tifoso_teo scrive:

    quei diecimila di maggio erano “saliti sul carro del vincitore!!” molti dei quali non sapevano un acca di pallacanestro, lo zoccolo duro a Pesaro è sui 3/4000 e su quelli può contare la VL.
    per quello che riguarda l’offerta di 50 € spero li diano in beneficenza a qualche associazione quegli 8000 € ..

  3. bio scrive:

    sono quasi 35 anni che contribuisco costantemente col mio abbonamento PAGATO e non omaggio come tanti di quelli che si professano amici della VL e che ora hanno un rigurgito di coscienza e chiamano alla crociata sciacquandosi l’anima con 50€ !!! ma andate a ca**re!

  4. Hannibal Smith scrive:

    Opinione mia….ridicolo l’articolo come anche questo azionariato popolare che così come è stato fatto, per me non ha senso alcuno; e siccome ognuno è giustamente libero di fare ciò che crede, mi pare sia legittimo rispettare anche chi, questi soldi, come dice Lele, non li voglia buttare via; di qui la inconsistenza dell’articolo. Oltretutto basta con questi attacchi alla tifoseria che in questi anni, con o senza crisi ha abbondantemente passato i 3000/4000 spettatori, tra i primi in italia, ricordando anche che il pubblico ha dato sempre risultati nonostante siano anni che non si vinca assolutamente nulla.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>