Il termine minimo di Cristiana Palandri al 2.18 Gallery

di 

5 settembre 2012

FANO – Giovedì 6 settembre, dalle ore 19, con l’opera “Termine Minimo” di Cristiana Palandri riparte la seconda stagione espositiva della 2.18 Gallery, il minuscolo spazio espositivo dedicato all’arte contemporanea a Fano.

Cristiana Palandri è una giovane artista, nata a Firenze dove vive e lavora.

Dopo aver vinto una borsa di studio in Inghilterra, ha iniziato il suo percorso artistico esponendo in vari paesi tra i quali Germania (Berlino, Podbielski Contemporary), Stati Uniti (New York, Scaramouche), Thailandia ( Bangkok, Bacc). La sua poetica è in continuo mutamento, come del resto la personalità stessa dell’artista, che partendo dal disegno elabora nel corso degli anni una fusione di impulsi, interessi, linguaggi. Per cui, ciò che è parte della vita , della realtà stessa del’ artista, diventa parte integrante della sua opera.

Per la piccola galleria fanese, Cristiana Palandri propone una doppia visione: una diurna e una notturna, operando su materiale eterogeneo: piume, ferro, catrame, legno; Palandri cristallizza una scena mai finalmente rivelatrice, ma che diventa ipotesi di percorso.

La stessa scena, cambia completamente durante la notte, cancellando ciò che l’ha generata e ricordando che nessuna delle due visioni può essere stabile.

La peculiarità stessa della galleria, affacciata sul corso di una città di provincia, permette la visione a chiunque, 24 ore su 24, aprendosi alle interpretazioni più varie e cercando di interagire continuamente con un pubblico sempre diverso.

 

 

2.18 Gallery é un’idea di Tommaso Mei e di Andrea Belacchi. Nasce dalla necessità di esprimersi, confrontarsi, produrre ed ospitare arte. Nasce dall’esigenza di rispondere alla domanda: quanto spazio serve per le idee?

2.18 è una galleria di arte contemporanea di 114×64 cm, che gioca sul concetto della trasformazione, inizia con il cambiamento dello spazio di una bacheca commerciale in uno spazio d’arte, fino a mutare l’utilizzo stesso del termine galleria ,che, in questo caso, indica uno spazio insolito che impone la riduzione spaziale come campo d’azione su cui intervenire.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>