Varotti: “Grande distribuzione, basta con le varianti”

di 

6 settembre 2012

da Amerigo Varotti, direttore provinciale Confcommercio riceviamo e pubblichiamo:

Amerigo Varotti, direttore Confcommercio Pesaro e Urbino

Amerigo Varotti, direttore Confcommercio Pesaro e Urbino

I nostri Amministratori comunali stanno uccidendo il commercio e la vita delle nostre città.

E’ la prima considerazione che mi viene in mente assistendo al proliferare di varianti ai piani regolatori o a procedimenti amministrativi finalizzati alla apertura di nuovi supermercati, centri commerciali, outlet e che porteranno inevitabilmente alla morte di centinaia di piccole imprese commerciali ed alla diminuzione di livelli occupazionali.

A Pesaro, con una variante “estiva”, il Sindaco Ceriscioli dà il via libera ad un nuovo supermercato di 2.500 mq in zona Celletta (in un’area già satura dal punto di vista commerciale); a Fano il Sindaco Aguzzi con un Piano regolatore stracolmo di superfici commerciali sta dando il via libera ad una nuova Coop di 6.500 mq mentre torna in auge “l’affare” ex Zuccherificio. A Mondolfo il Sindaco Cavallo e la sua Giunta procedono alla grande speculazione dell’outlet di Marotta con una variante vergognosa che triplicherà la capacità edificatoria su quell’area.

Siamo alla follia!!

Questi amministratori continuano indisturbati, nel silenzio assordante della società civile, a cementificare il nostro territorio ed a distruggere la rete commerciale, uccidere i centri storici e mettere sul lastrico, complessivamente, migliaia di piccole imprese. E, tutto ciò, in un periodo di pesante crisi dei consumi comporterà anche una riduzione dei livelli occupazionali (perché quelli che si creeranno non riusciranno a compensare quelli che si bruceranno).

E’ quindi necessaria una risposta ferma della società civile, dei cittadini, delle forze ambientaliste, dei politici indisponibili a questa distruzione (come è il caso del Consigliere Papolini di Mondolfo) per fermare questa follia dilagante.

La Confcommercio farà la sua parte.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>