Sfuma al 93′ la prima vittoria del Fano di Gaudenzi

di 

9 settembre 2012

MANTOVA-FANO 2-2
MANTOVA (3-5-2): Festa 6; Girelli 6,5 Farina 5, Corso 5; Bertin 6, Spinale 6,5, Burato 6 (15’s.t. Cerone 6,5), Galassi 6, Bersi 6,5 (30’s.t. Vecchi 6); Pietribiasi 5,5 (24’s.t. Del Sante 6), Franchi 6,5. A disp.: Maggio, Giordani, Cavallaro, Mattielig  All. Frutti 6.
FANO (4-4-2): Proietti 6; Urso 6, Colombaretti 6, Merli Sala 5,5, Boccaccini 6; Cazzola 6 (34’s.t. Forabosco s.v.), Giannusa 7, Evangelisti 6, Berretti 6; Fabbro 5,5 (25’s.t. Proia sv), Marolda 6,5 (38’p.t Sbardella 5,5). A disp.: Beni, Ugolini, Bongiovanni, Deiulis All.: Gaudenzi 6.
ARBITRO: Fanton di Lodi 5

MARCATORI: Giannusa (F) al 7’ p.t., Marolda (F) al 22’ p.t., Franchi (M) al 42’ p.t.; Cerone (M) al 48’s.t. si rigore

NOTE: spettatori 1519, incasso di euro 11.954. Ammoniti: Galassi, Evangelisti, Franchi, Cazzola, Del Sante, Merli Sala. Angoli 18-1.

Fano-Fondi, Tommaso Marolda

Tommaso Marolda. Foto Giardini

MANTOVA – Sfuma al minuto 93 la prima vittoria del Fano targato Lazzaro Gaudenzi. Fatali gli ultimi minuti della partita: dallo 0-2 al 2-2 suggellato dal cucchiaio di Cerone su rigore in zona recupero.  Alma in vantaggio al 7′ con una fantastica punizione di Giannusa: sinistro telecomandato dai 25 metri all’incrocio (0-1).  Al 17′ è lo stesso Giannusa, con un errato disimpegno, a regalare a Franchi una palla d’oro sprecata tra le braccia del portiere. Al 19’ Spinale taglia in mezzo: la palla sfila sulla linea di porta. Bis dei granata al 22’: lancio di Giannusa per Marolda che aggancia e gira a rete (0-2). Il Mantonca, dopo il palo di Bersi al 39’, dimezza le distanze con Franchi al 41’ abile a sfruttare una ribattuta della difesa fanese, poi è Bersi di testa a colpire la traversa. Nella ripresa il Mantova cerca il pareggio ma è il Fano a rendersi pericoloso con Berretti su punizione e con le ripartenze di Cazzola.  Al 24’ Spinale, di testa, sbaffa a lato da buona posizione. Ancona un palo per il Mantova al 41′: traversa di Corso. Quando il Fano sembra poter timbrare la prima vittoria, l’arbitro vede un fallo su Cerone in area. L’orologio segna il 48′: lo stesso Cerone emula Pirlo e, con un cucchiaio, fa secco Proietti.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>