“Pista di pattinaggio, mancano punti di servizio e non solo”

di 

10 settembre 2012

da Gianluca Cespuglio de La Fano dei Quartieri riceviamo e pubblichiamo:

 

FANO – Spenti i riflettori della manifestazione del Festival Internazionale del Brodetto e delle zuppe di pesce, ideata e magistralmente organizzata dalla Confesercenti di Pesaro e Urbino, ed ormai al termine della stagione estiva è giunto il momento di tirare alcune somme.

Gente alla spiaggia del Gusto per il Festival del Brodetto e delle zuppe di pesce

Gente alla spiaggia del Gusto per il Festival del Brodetto e delle zuppe di pesce

Nel panorama delle manifestazioni cittadine appena concluse riteniamo che ci siano ancora margini di miglioramento in particolare per quanto riguarda l’organizzazione degli stand e nella gestione degli spazi, sia del centro che del mare, cioè nei luoghi ove si sono svolte le varie manifestazioni.

Infatti, stand dalla collocazione improvvisati e poco funzionale, scarichi delle acque non sempre funzionanti, attacchi della luce volanti, cavi elettrici posti nella pavimentazione stradale, o a mezzíaria, non giovano di certo all’immagine della Città di Fano e tanto meno rendono merito agli sforzi profusi dagli organizzatori.

In questa occasione, ma questo vale per molti spazi cittadini utilizzati, poniamo l’attenzione sulla pista di pattinaggio del Lido (ex dal momento che da anni non viene più utilizzata a tale scopo) che vede, nella sua area, la collocazione fissa del Pala Brodetto ed altri piccoli eventi.

A nostro giudizio tale spazio dovrebbe essere interamente rivisto e soprattutto valorizzato, reso dunque polifunzionale, maggiormente fruibile e gestibile lasciandone la sua superficie libera, senza dunque strutture e/o infrastrutture ingombranti e/o permanenti, spazio che sia dunque dotato di tutti quei punti di ancoraggio, di predisposizione e di servizio per acconsentire, a seconda delle necessit‡ e su preciso schema, il più veloce ed organizzato allestimento a seconda della manifestazione che si vuole organizzare.

Pertanto ci rivolgiamo al neo Assessore ai lavori pubblici Riccardo Severi a che si adoperi per far redigere, nel più breve tempo possibile, un piano di interventi che preveda, nei vari punti della Città, con bassissimo impatto visivo e con funzionale dislocazione, la realizzazione di punti di servizio (posa di tubazioni, attacchi luce, scarichi delle acque, punti di ancoraggio delle strutture ecc.) che portino ad una veloce, funzionale ed organizzata gestione degli spazi che possano dunque lasciare nel visitatore/fruitore/turista quel senso di pulito ed organizzato; sensazioni che riteniamo possano estendersi, rendendone merito, sia alla Città, ai cittadini ed a chi vi opera.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>