Un anno di basket… con pu24.it

di 

10 settembre 2012

PESARO – Permetteteci una parentesi personale. Ieri, 9 settembre 2012, erano esattamente dodici mesi dal debutto del nostro sito www.pu24.it nell’enorme mare della comunicazione globale. Rimaniamo una piccolissima realtà in una piccola provincia come quella di Pesaro e Urbino, in un Paese notoriamente refrattario all’informazione indipendente come l’Italia. Abbiamo cercato di essere sempre dentro la notizia con la tempestività che un sito internet deve avere per non perdersi nella immensità della rete globale, cercando di esprimere un’opinione indipendente.

Nel mondo della pallacanestro pesarese in un anno sono successe tantissime cose. Se pensiamo che nel settembre scorso ci si chiedeva se la Scavolini Siviglia fosse pronta per attaccare i piani altissimi del basket italico, se fosse un azzardo ingaggiare un giocatore proveniente dalla Legadue come Hickman o se un realizzatore come White fosse adatto al gioco di coach Dalmonte, ci si preoccupava della convivenza di un personaggio forte come Jones con il leader dichiarato Daniel Hackett, incoronato la stagione precedente del titolo di miglior giocatore italiano.

Si sono rivisti i grandi numeri all’Adriatic Arena con 10.000 spettatori a gremire le gradinate dell’astronave nel ritorno alla semifinale scudetto contro i “nemici” storici di Milano. Ci siamo illusi di poter rientrare in Europa dalla porta principale prima di ritornare sulla terra subito dopo la conclusione dei playoff, con la decisione di Valter Scavolini di non rinnovare la sponsorizzazione dopo 37 anni ininterrotti.

Abbiamo dovuto salutare un vero figlio di Pesaro come Daniel Hackett, andato a cercare gloria a Siena, ci siamo sentiti orgogliosi dell’approdo di James White ai New York Knicks, una delle formazioni più famose nel mondo, e siamo curiosi di vedere i progressi di Ricky Hickman con la storica canotta gialla del Maccabi Tel Aviv.

L’estate non ha portato notizie positive, con la Vuelle rimasta orfana di papà Valter e messa in disparte anche dallo zio Sauro “Siviglia” Bianchetti. Sono rimasti dello squadrone precedente solamente il nazionale Daniele Cavaliero e il grande capitano Simone Flamini, sono arrivati due ex azzurri come Crosariol e Amoroso e dall’oceano infinito dei giocatori statunitensi abbiamo pescato tre ragazzi al debutto sui parquet italiani, con la speranza di azzeccare una nuova stella. Siamo ancora alla ricerca di nuovi mecenati disposti ad abbinare il loro marchio ad una società comunque solida e senza debiti, orgogliosi di essere ancora presenti nell’élite della pallacanestro italiana che ogni anno sacrifica pezzi anche pregiati sull’altare della recessione economica globale. Siamo delusi dall’imprenditoria locale che non sembra in grado di rimpiazzare Scavolini, anche se in fondo in fondo speriamo sempre che lo storico patron torni parzialmente sulla sua decisione.

In questi dodici mesi abbiamo cercato di aggiornarvi con tempestività sul mondo della Vuelle, presentando l’avversario di turno, mettendo online celermente la cronaca della partita con le pagelle dei giocatori e commentando tecnicamente la prestazione dei biancorossi, non lesinando critiche ad allenatore e giocatori, non trovandoci sempre d’accordo con le decisioni dello staff societario.

Il nostro obiettivo è di far diventare una piacevole abitudine dare un’occhiata quotidiana al sito www.pu24.it per cercare le ultime notizie su tutto quello che avviene nella nostra provincia e di tenervi aggiornati sulle vicissitudine della pallacanestro pesarese, cercando di mettere nei nostri articoli la stessa passione che abbiamo sempre provato per il basket in tutte le sue sfaccettature. Da quel 9 settembre 2011 speriamo di essere migliorati leggermente nella qualità, oppure siamo diventati solamente di un anno più vecchi, chissà.

3 Commenti to “Un anno di basket… con pu24.it”

  1. Giancarlo Iacchini scrive:

    Complimenti per gli articoli scritti sulla Vuelle e buon lavoro per la nuova stagione!

  2. Redazione scrive:

    Grazie mille.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>