La piscina del Parco della Pace si rifà il maquillage

di 

13 settembre 2012

PESARO – Non solo nuoto al Parco della Pace. Il nuovo piano di gestione della piscina “O. Berti” porterà alla cittadinanza nuovi servizi, attività complementari e manifestazioni internazionali.

Carlo Maria Valazzi (Pesaro Nuoto), il sindaco Luca Ceriscioli e il portavoce Franco Arceci

Carlo Maria Valazzi (Pesaro Nuoto), il sindaco Luca Ceriscioli e il portavoce Franco Arceci durante la conferenza di presentazione in Comune

Favorire lo sviluppo dell’attività sportiva in ogni sua forma e garantire la continuità dei servizi sul territorio. Questi gli obiettivi con cui Italcappa Cooperativa Sociale, società di servizi nel terziario, e Greenerg srl, società di servizi energetici, nella forma di costituendo Raggruppamento Temporaneo d’Imprese hanno presentato la propria migliore offerta per il servizio di gestione in concessione e la riqualificazione della piscina comunale “O. Berti” di Pesaro.

Proprio dall’incontro di queste due realtà pesaresi orientate, per professionalità e vocazione, alle tematiche sociali, al benessere della persona e alla sostenibilità ambientale, sta prendendo forma il progetto che porterà, a partire dal primo gennaio 2013, al recupero funzionale dell’area per un utilizzo più efficiente della struttura e degli spazi complementari, sia dal punto di vista di offerta dei servizi nell’ottimizzazione delle risorse e delle attività, sia dal punto di vista energetico, attraverso una progettazione che favorisca la riduzione dei consumi nel rispetto dell’ambiente.

Ad integrazione dei servizi attualmente fruibili, il nuovo piano di gestione (che prevede oggi un’affluenza annuale di circa 250.000 presenze) sarà in grado di offrire attività e servizi complementari, non solo relativi agli sport acquatici ma ad altre discipline sportive, nonché erogherà servizi di consulenza medica, fisioterapica e di riabilitazione, servizi di formazione per i tecnici, ampliando l’offerta con l’organizzazione di campus estivi, stage, manifestazioni ed eventi a carattere nazionale ed internazionale. Quest’ultimo aspetto rappresenta un notevole punto di forza per il progetto che, grazie all’intervento di riqualificazione e messa a norma della struttura, consentirà di aumentare l’attrattività dell’impianto con ricadute e benefici indotti per il nostro territorio pesarese.

Il progetto

L’intervento riguarderà la riqualificazione dell’impianto sportivo nella sua interezza, con l’adeguamento degli spogliatoi e delle parti accessibili al pubblico alle nuove esigenze, compreso l’abbattimento di tutte le barriere architettoniche, con i migliori standard qualitativi, oltre alla nuova copertura della vasca olimpionica, il tutto nel massimo rispetto dell’ambiente e delle nuove frontiere dell’edilizia ecosostenibile.

L’operazione è stata proposta attraverso lo strumento del Project financing, che ha consentito l’ingresso di capitali privati nella realizzazione dell’opera di pubblica utilità senza gravare ulteriormente sulle casse della pubblica amministrazione comunale.

Determinante per la buona riuscita del progetto è senza dubbio la sinergia tra Italcappa e Greenerg le quali, ciascuna con il proprio bagaglio di esperienza maturata nel settore di riferimento e il know how apportato al progetto, hanno in corso un processo di sinergia e collaborazione che porterà al territorio nuove prospettive di sviluppo.

Tutto ciò fa parte del percorso che vedrà, entro la fine del 2012, la nascita della nuova grande cooperativa sociale TKV, il gigante del settore cooperativo, la più importante e la più grande cooperativa della regione Marche, che sarà la somma delle attività e dei patrimoni delle cooperative Italcappa, Tecnohabitat e Villaggio dell’Amicizia, con la partecipazione come soci sovventori della cooperativa sociale Labirinto e Coopfond, oltre a cooperativa Santa Vittoria e Greenerg, attivi partecipanti nella governance della nuova cooperativa.

Hanno presentato il progetto, che è stato studiato su scala trentennale, il sindaco di Pesaro Luca Ceriscioli, il presidente della Federazione regionale nuoto e della Pesaro Nuoto Carlo Maria Valazzi e la ditta Kgs, vincitrice del Project financing. Risolti i temi del rumore, dei costi energetici e della riqualificazione della vasca da 50 metri, in modo da ottenere di nuovo la licenza per ospitare gare internazionali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>