Vola per 100 metri da un rupe davanti al fratello

di 

13 settembre 2012

Ricerche in montagna

CASTELDELCI (Rimini) – Una tragedia immane. La scomparsa di Enrico Trebbi, 37enne di Casteldelci, centro ora nella provincia di Rimini ma nel territorio di Pesaro e Urbino fino al 2009, è finita ieri mattina nella maniera peggiore. Il ragazzo, scomparso lo scorso fine settimana in quel lembo di terra tra Marche e Romagna, è precipitato da una rupe ed è morto, dopo un volo incredibile da un’altezza di 100 metri e anche più.

Fin dalla scomparsa un centinaio di persone, tra amici, parenti, vigili del fuoco, carabinieri, forestali, protezione civile e soccorso alpino, si sono mobilitati. Ieri mattina diversi compaesani si erano recati nei boschi intorno a Fragheto, Casteldelci e Verghereto e l’hanno trovato. A trovarlo il fratello maggiore insieme ad alcuni cugini, mentre stava camminando verso un ripido calanco. A quel che si è appreso, pare che alla chiamata del familiare, Enrico abbia reagito in modo brusco. Avrebbe iniziato a correre fino in cima a una rupe, precipitando nel vuoto per cause al vaglio degli inquirenti.

Il Carlino online riporta le parole commosse di don  Romualdo, il parroco che era molto legato ad Enrico: “I primi tempi che ero arrivato qua, veniva a trovarmi tutte le sere per fare due chiacchiere o passeggiare. La speranza era di rivederlo sano e salvo in paese. Siamo tutti molto addolorati. Enrico era amato davvero da tutti. Pregherò per lui e la sua famiglia”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>