FN: “Al Comune di Fano: non svendere immobili ma battere moneta”

di 

24 settembre 2012

da Marco Consalvo (FN) riceviamo e pubblichiamo:

 

FANO – Forza Nuova critica la volontà del comune di Fano di vendere alcuni importanti immobili commerciali per fare cassa. Il movimento lancia la propria soluzione alternativa attraverso le parole di Marco Consalvo.

logo Forza Nuova Pesaro e Urbino

“Ci troviamo di fronte all’ennesimo palliativo per trovare liquidità immediata, vendere immobili certo aiuta a fare cassa nell’immediato ma non risolve problemi strutturali legati al folle patto di stabilità imposto dal governo centrale. E’ chiaro a tutti che dismettere beni immobili sistema il bilancio in corso ma sottrae entrate preziose per il futuro. In questo modo si rinvia un problema strutturale destinato a ripresentarsi nel giro di pochi mesi in forma più pesante. Tra un anno si dovranno trovare altri beni da mettere in vendita, secondo un copione già visto.

Forza Nuova ha già da tempo indicato l’ unico mezzo per risollevare l’economia locale privata e pubblica, l’emissione di moneta complementare da parte dei Comuni. Battere moneta a credito è l’unica via di uscita per un sistema agonizzante per la mancanza di denaro a corso legale ed è l’unica alternativa all’ indebitamento nei confronti delle banche. La moneta complementare emessa dai Comuni è un mezzo perfettamente legale ed è in grado di creare un circolo virtuoso capace di creare ricchezza e posti di lavoro, esempio recentissimo quello del Comune di Napoli.

A luglio abbiamo inoltrato una proposta articolata a tutti i comuni della provincia, compreso quello di Fano,per questo-conclude Consalvo-ci aspettiamo che qualche amministrazione lungimirante dimostri un po’ di coraggio ed emetta finalmente una propria valuta”.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>