Sulla Fano-Grosseto l’Udc sta con la Regione

di 

25 settembre 2012

Udc

PESARO – L’Udc di Pesaro e Urbino accoglie con favore l’iniziativa del presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca e del presidente dell’Assemblea regionale Solazzi, i quali hanno organizzato un convegno per venerdì 28 settembre per fare il punto sul completamento della strada di grande comunicazione Fano-Grosseto, uno dei più importanti collegamenti trasversali tra i corridoi longitudinali tirrenico e adriatico.

“La nostra forza politica – scrivono Alessandro Rosati e Marcello Mei, segretario e presidente provinciali dell’Udc – è in piena sintonia con tutte le forze politiche oltre che con il governo della Regione e con quello della Provincia di Pesaro e Urbino nel ritenere una priorità lo sblocco dei lavori per la realizzazione di questa importante arteria, che permetterà, di fatto, di valorizzare l’area montana della provincia di Pesaro e Urbino e, in generale, del nord della regione. Riteniamo doveroso ringraziare anche l’assessore regionale Udc Luigi Viventi per l’impegno profuso nell’esercizio della sua delega alle Infrastrutture: la costante attenzione nei confronti del delicato iter per il completamento dell’asse viario Fano-Grosseto infatti ha fatto registrare, nell’anno in corso, alcuni risultati concreti e importanti. La notizia più significativa è senza dubbio il fatto che il raggruppamento di Imprese Astaldi, Cmc, Strabag ha manifestato l’interesse a partecipare a un progetto di finanza per la realizzazione di questa infrastruttura. L’auspicio, a questo proposito, è che nel giro di poco tempo si possa entrare nel merito dei contenuti specifici, esaminando la proposta preliminare che il Ministero si è impegnato a richiedere”.

“Ci sembra giusto sottolineare infine  – chiosano Mei e Rosari – la strategicità della convergenza di intenti tra le tre Regioni interessate dall’intervento: Marche, Umbria e Toscana, che nel mese di giugno hanno inviato al ministro delle Infrastrutture un documento unitario che richiede chiarezza sui tempi, sulle modalità e sull’adozione di strumenti concreti per la realizzazione dell’opera”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>