Il Panathlon mantiene vivo il sacro fuoco del baseball

di 

1 ottobre 2012

PESARO – Dopo la pausa estiva è ripresa l’attività del Panathlon Club di Pesaro, che ha potuto gioire alle ultime Olimpiadi di Londra per il socio Piero Benelli, medico della Nazionale Italiana di Pallavolo maschile, medaglia di bronzo.

La conviviale del Panathlon dedicata al baseball: da sinistra Norberto Crinelli, Alberto Iaccarini, Gastone Mazzanti, Stefano Macina e Luciano Murgia

La conviviale del Panathlon dedicata al baseball: da sinistra Norberto Crinelli, Alberto Iaccarini, Gastone Mazzanti, Stefano Macina e Luciano Murgia

L’incontro conviviale del mese di settembre è stato dedicato al baseball, sport approdato a Pesaro nel 1968. Tra gli invitati all’Hotel Flaminio al tavolo con il presidente del club Alberto Iaccarino, Norberto Crinelli, attuale presidente della Pesaro Club Baseball, insieme a Gastone Mazzanti, presidente storico della società. Ma presenti anche l’assessore allo sport del Comune di Pesaro Enzo Belloni e Stefano Macina, segretario del San Marino Baseball campione d’Italia per tre volte negli ultimi cinque anni. Animatore della serata Luciano Murgia, giornalista sportivo esperto di sport americani, nonché radiocronista delle partite della Pesaro Baseball ai tempi d’oro.

Già, i tempi d’oro, gli anni Ottanta. Prima degli scudetti nel basket, Pesaro era stata già capace di imporsi ai vertici nazionali, sempre grazie allo sponsor Scavolini, nel diamante delle Cinque Torri dove ancora oggi gioca nel campionato di serie B. A rinfrescare la memoria ci hanno pensato Luciano Murgia e Gastone Mazzanti che hanno raccontato aneddoti e ricordi di una storia che ha appassionato migliaia di pesaresi. L’episodio più suggestivo forse riguarda Jeff Fleming, il più forte giocatore di baseball che abbia mai indossato la maglia biancorossa. Quando se ne andò più o meno a metà della sua ultima stagione a Pesaro per tornare in America per motivi famigliari, restituì al presidente Gastone Mazzanti la parte dell’ingaggio che non gli spettava più.

Il presente del baseball a Pesaro l’ha invece raccontato Norberto Crinelli. Un presente fatto di difficoltà soprattutto economiche, ma anche di passione per uno sport che è ancora molto vivo in città nonostante la scarsa visibilità.

Il microfono è passato poi a Stefano Macina che ha parlato del suo San Marino Baseball campione d’Italia, in un campionato particolare nel panorama italiano. Infatti, il baseball è uno dei pochi sport che ha creato un campionato di vertice dove non si accede per meriti sportivi. Si chiama IBL1, è formato da otto squadre e ci si può entrare solo se si rispettano determinati obblighi societari, quindi non ci sono promozioni e retrocessioni. Una scelta coraggiosa fatta per creare un traino, ma che ha generato anche squilibri tra vertice e base del movimento sportivo che bisognerebbe correggere.

Ma non si è parlato solo di baseball. Una parentesi della serata ha visto come protagoniste due giornaliste pesaresi, Elisabetta Ferri e Beatrice Terenzi, che hanno raccontato degli ultimi Europei di basket femminile sorde, dove per la prima volta ha partecipato la Nazionale Italiana grazie anche al contributo del Panathlon Club di Pesaro.

Panathlon che si allarga. Il presidente Iaccarino ha presentato il nuovo socio del club Sandro Maggioto che dirige dal 2000 la Pisaurum Basket. Squadra che nel giro di 12 anni è salita dalla Promozione fino alla C1.

Infine, il prossimo appuntamento del Panathlon di Pesaro sarà aperto a tutti, soci e non. Il Club pesarese ha organizzato un convegno sul tema molto attuale del finanziamento dello sport negli anni della crisi. Il convegno si terrà Venerdì 26 Ottobre alle ore 18 nella sala Pierangeli della Provincia di Pesaro e Urbino.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>