Pesaro Rugby, prima di campionato senza sponsor

di 

3 ottobre 2012

PESARO – «L’obiettivo è la salvezza, ma le aspettative sono quelle di fare un campionato dignitoso e credo che la metà classifica sia un risultato raggiungibile». Ha le idee ben chiare Daniel Insaurralde, allenatore della Pesaro Rugby che domenica alle 15.30 affronterà la prima giornata di campionato in trasferta contro Firenze. «Sono davvero molto fiducioso per il lavoro che stiamo facendo. E’ difficile che io mi sbilanci, ma la squadra che ho in mano mi piace molto e siamo in una condizione ben diversa rispetto a quella d’inizio campionato scorso».

Il pilone Enrico Santini palla in mano

La prima differenza sarà che avrà una squadra quasi al completo, con gli assenti ben sostituiti da giovani saliti dall’under 20 che in stagione è molto probabile che troveranno spazio: «Sono ragazzi che fanno parte della rosa a tutti gli effetti e se saranno all’altezza non avrò problemi a schierarli da titolari sin dal primo minuto. Io alcuni li vedo già pronti e all’altezza, con possibilità di dimostrare sin da subito il loro valore». Parole che lasciano presagire che alcuni di questi saranno in campo sin da Firenze, dove però li attenderà di certo una battaglia, essendo i fiorentini neopromossi e diretti concorrenti per la salvezza: «L’avversario è diverso per caratura essendo una neopromossa, ma anche noi siamo diversi rispetto lo scorso anno quando non avevamo giocatori che oggi per noi sono un punto di riferimento. Firenze è una squadra di carattere e noi dovremo essere ben consci che sarà una partita vera e difficile. Abbiamo però l’esperienza per fare fronte ad una squadra di questo tipo».

Di certo in campo ci saranno anche i nuovi acquisiti della Pesaro Rugby, vale a dire l’apertura Martinelli e i due piloni Pignoloni e Barbato: «Sono giocatori che si sono inseriti bene nel gruppo e che ci stanno aiutando. Riguardo la prima linea quest’anno abbiamo sei giocatori tutti molto validi e per noi sarà davvero una bella risorsa avere giocatori di questo livello intercambiabili».

Tutta da decidere ancora la squadra che scenderà in campo domenica, ma è certo che diversi giocatori per forza di cose dovranno andare in tribuna: «Quest’anno c’è una grande competizione interna per guadagnarsi un posto in campo. I ragazzi però la devono vivere come una ricchezza e non una sfortuna. Avranno il tempo per recuperare dagli infortuni e allo stesso tempo per loro dovrà essere uno stimolo per crescere ancora di più».

Chi invece mancherà in questo avvio di campionato sarà il tanto desiderato main sponsor. Nessun nome di azienda sulle maglie per la Pesaro Rugby che si augura di trovarlo in questi primi giorni di ottobre visto che si sta muovendo qualcosa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>