Hackett, 5 assist in faccia agli Spurs

di 

7 ottobre 2012

PESARO – La notte tra sabato e domenica ha riservato la prima di Daniel Hackett contro una squadra Nba. Non aveva punti in palio, la trasferta a San Antonio, contro i mitici Spurs, per il Montepaschi Siena, ma essere protagonisti su un parquet come quello degli Spurs, l’AT%T Center, è il sogno di tutti, Ancor più di un ragazzo che è cresciuto, studiando e giocando negli States.

Immagine tratta dalla pagina Fb di Montepaschi Sport

Così, raccontano le cronache dal Texas, Daniel ha cercato di interpretare la partita – finita 106-77 per Ginobili e compagni – nel migliore dei modi, segnando 7 punti (terzo migliore realizzatore dei toscani) e servendo gli immancabili 5 assist. Come a dire che anche la Nba è tornata a vederlo. E lo rivedrà lunedì sera, a Cleveland, dove il Montepaschi si è trasferito subito per affrontare i Cavs, seconda e ultima tappa del tour americano dei campioni d’Italia.

Il sabato italiano dei canestri è vissuto nel segno dei fratelli Cinciarini, i due pesaresi di Reggio Emilia e Montegranaro.

Sia Andrea sia Daniele disputano grandi partite, ma le loro squadre perdono entrambe, la Trenkwalder in trasferta, la Sutor in casa. Peccato, perché i due meritano l’unanime riconoscimento degli organi d’informazione.

Iniziamo da Daniele, che nella sconfitta casalinga della Sutor (79-85) con il Banco di Sardegna Sassari chiude con 22 punti in 35 minuti (2/5 da 2; 4/8 da 3; 6/9 ai liberi) ed è il migliore realizzatore della squadra di Recalcati. Dopo due giornate, Daniele viaggia a 18,5 punti a partita.

Anche Andrea è il migliore realizzatore della sua squadra, la Trenkwalder Reggio Emilia (15 punti con 6/10 da 2 e 3/6 dalla lunetta, 6 rimbalzi e 3 assist). Così, l’inviato del Resto del Carlino a Treviso, dove gioca l’Umana Venezia, gli assegna il voto migliore della serata (7,5), raccontando ai lettori reggiani che Andrea è “la vera e unica anima biancorossa”.

Un sabato sera da dimenticare anche per Gigio Gresta, il pesarese che assiste Attilio Caja sulla panchina della Vanoli Cremona. La squadra lombarda ha tenuto a lungo il controllo del gioco e del risultato sul parquet del PalaMaggiò casertano, ma ha ceduto in dirittura d’arrivo alla squadra di Sacripanti ed è ancora a quota zero.

In Legadue, abbiamo raccontato già, sabato, della grande accoglienza riservata dai tifosi di Pistoia a Giacomo Gurini, apprezzatissimo ex, tornato in Toscana con la sua nuova squadra, la neopromossa Ferentino.

Oggi, prima giornata di campionato, registriamo la grande prestazione di Andrea Benevelli, che gioca nell’Upea Capo d’Orlando. Il figlio di Amos, da anni protagonista nelle cosiddette serie minori, ha realizzato 16 punti in 34 minuti (con 8/12 da 2 e 0/3 da), aggiungendo 12 rimbalzi (5 offensivi). Purtroppo, la sua prova non è basta a evitare la sconfitta della squadra siciliana, superata in casa dalla Givova Scafati che ha avuto 31 punti e 13 rimbalzi da Ronald Slay.

Vince la Fileni Jesi allenata da Stefano Cioppi, colpevolmente dimenticato nel punto della scorsa settimana sui pesaresi del basket, e guidata in campo da Michele Maggioli (16 punti con 7/9 da 2, 0/1 da 3, 2/3 ai liberi, 7 rimbalzi e 3 assist). La Fileni ha vinto 73-58 sulla Centrale del Latte Brescia.

Perde (60-61 con la Biancoblu Bologna) la Novipiù Casale di Matteo Malaventura (5 punti con 0/4 da 2, 1/5 da 3, 2/2 dalla lunetta).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>