Ricci, l’ora della verità. Verso Roma o resta in Provincia?

di 

8 ottobre 2012

PESARO – “Oggi mi godo Giovi, domattina prima vado a donare il sangue poi alle 10 faccio una conferenza stampa per dire cosa ho deciso di fare…”.

Matteo Ricci lancia il Festival della Felicità con Giovanni (Ansa), Marcolini (Regione) e Pivato (Università di Urbino)

Matteo Ricci lancia il Festival della Felicità con Giovanni (Ansa), Marcolini (Regione) e Pivato (Università di Urbino)

Poche parole, scritte da Matteo Ricci sulla proprio bacheca Facebook. Il presidente della Provincia, che in un post precedente aveva fatto gli auguri al figlio Giovanni che oggi compie tre anni, comunicherà a tutti se lascerà lo scranno di via Gramsci o meno. In caso di dimissioni da presidente della Provincia, vien da sé una sua candidatura in Parlamento, come da molti, ma non da tutti, auspicato. La legge impone infatti il termine di sei mesi prima delle elezioni politiche. Inizialmente si pensava che dovesse sciogliere ogni riserva entro il 29 ottobre, se non fosse – come recita il Carlino di ieri in un articolo a firma Margherita Giacchi – che nel Testo Unico degli Enti locali, all’articolo 53, è scritto che “le dimissioni presentate dal sindaco e dal presidente della Provincia diventano efficaci ed irrevocabili trascorso il termine di 20 giorni della loro presentazione al consiglio. In caso si procede allo scioglimento del rispettivo consiglio, con contestuale nomina di un commissario”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>