“Ho scelto la Snoopy per crescere ancora”

di 

18 ottobre 2012

PESARO – Avrei immaginato di incontrare Alessia Fiesoli al PalaSnoopy, al PalaCampanara oppure in centro e invece l’ho conosciuta a scuola ad Urbino, dove, anche se solo per pochi minuti, ho avuto il piacere di parlarle.

La stella della Snoopy e della Nazionale juniores medaglia di bronzo agli ultimi Europei si è sottoposta molto gentilmente alle mie domande.

Alessia Fiesoli

A Pesaro crediamo molto in lei, per il presente e il futuro della pallavolo italiana e questa giovanissima schiacciatrice di appena diciotto anni non ha nessuna intenzione di deluderci.

Ciao Alessia, innanzitutto come ti trovi a Pesaro e con la tua nuova squadra?
“Ciao a tutti! Qui mi trovo benissimo, mi avevano già parlato alla grande della società e appena è arrivata la proposta di venire a giocare nella Snoopy ho detto subito di sì. Con lo staff, la società e le compagne va tutto bene; per quanto riguarda la città ero abituata alla metropoli milanese (2 anni al Club Italia) mentre Pesaro pur essendo piccolina è davvero stupenda”.

Il campionato è appena iniziato con una bella vittoria contro Olbia, raccontaci l’esordio dal punto di vista tecnico ed emotivo.
“Eravamo tese perché era la prima volta che giocavamo insieme e dobbiamo ancora trovare la giusta intesa in certe situazioni, infatti all’inizio siamo partite malino poi però ci siamo riprese e abbiamo fatto una bella partita, anche se non al massimo, ma abbiamo giocato bene”.

Cosa ti aspetti da questa stagione?
“Migliorare prima di tutto, ho scelto la Snoopy anche per questo, so che con Bertini posso crescere molto tecnicamente e ovviamente uno degli obiettivi è quello di arrivare un giorno in A1. Come squadra ci aspettiamo di fare molto bene e magari arrivare ai play-off”.

Uno splendido attacco di Alessia Fiesoli (Foto Alberto Ghiddi per Rossano Ronci gentilmente concessa dalla Snoopy)

Con alcune compagne (Aluigi, Micheletti, Veglia..) hai fatto qualche allenamento con la serie A, com’è stato?
“Il livello è completamente diverso, lì c’è un’intensità molto più elevata, però imparo tantissimo e certe esperienze aiutano molto”.

A Pesaro pur essendo in squadre diverse hai ritrovato Cristina Chirichella, compagna prima nel Club Italia e poi capitana in Nazionale jr. Quanto è importante per te la sua presenza?
“E’ molto importante averla qui, usciamo spesso e inoltre nei tre anni che abbiamo passato insieme abbiamo legato tanto”.

Se un giorno dovesse arrivare una convocazione con la Robur, quali immagini sarebbero le tue prime sensazioni?
“Già quando mi capita di allenarmi con le colibrì sono emozionata, le partite sarebbero qualcosa di ancora più grande e forse avrei un po’ di paura ma sono occasioni che non posso lasciarmi scappare”.

La Snoopy e la Robur puntano e credono tanto nelle giovani italiane come te, a volte può essere un peso oppure è sempre uno stimolo?
“Per me oltre che essere uno stimolo è un onore, fa piacere sapere che fanno grande affidamento su di me e sulle giovani in generale, noi diamo sempre il massimo”.

Alessia Fiesoli in azione

Domanda quasi d’obbligo, hai un idolo al quale ti ispiri?
“Sicuramente Francesca Piccinini per ciò che rappresenta nel mondo della pallavolo, inoltre siamo entrambe toscane e schiacciatrici di posto 4″.

Per finire, alcuni tifosi vedendoti giocare hanno notato delle somiglianze tra il tuo movimento d’attacco e quello di Jaqueline. Lo sapevi?
“Wow! Non lo sapevo, mi fa molto piacere, lei è una grandissima giocatrice e campionessa, spero tanto di raggiungere i suoi livelli, sarebbe un sogno”.

Noi ti aspettiamo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>