Nella nuova casa di Hackett la VL è senza pressioni

di 

19 ottobre 2012

PESARO – Dopo tre giornate trovarsi appaiati in classifica ai campioni d’Italia della Montepaschi non deve illudere la tifoseria biancorossa che Siena e Pesaro siano sullo stesso livello. Il prosieguo del campionato stabilirà le giuste gerarchie, con la Mens Sana candidata all’ennesima finale scudetto di questo millennio e la Vuelle pronta a festeggiare quando raggiungerà, speriamo prima possibile, l’obiettivo salvezza.

Daniel Hackett, in un'immagine tratta dalla pagina Fb di Montepaschi Sport

Dando un’occhiata alla classifica, la Scavolini Banca Marche è addirittura davanti all’altra candidata alla finale, quell’E7 Emporio Armani Milano capace di perdere di 20 punti ad Avellino senza un accenno di reazione, ma le differenze tra queste formazioni rimangono notevoli e la trasferta nella città del Palio potrà essere affrontata con la maggior tranquillità possibile dai ragazzi di Ticchi che, dopo le vittorie ottenute contro Biella e Venezia, si possono permettere di andare a Siena senza l’assillo del risultato.

L’anno scorso la Vuelle espugnò il PalaEstra giocando una delle migliori partite dell’era Dalmonte. Domenica Hamilton & C. avranno solamente l’obbligo di continuare nel trend positivo di queste ultime giornate, consapevoli della forza dell’avversario ma con l’obiettivo di proseguire nella crescita mostrata contro Biella e, soprattutto, Venezia.

Vi ricordiamo che la partita andrà in onda in diretta televisiva su Tvrs (canale 111 del digitale terrestre), come tutte le prossime trasferte che non vedranno impegnate la Vuelle sui network nazionali.

 

LA PARTITA DELLA SETTIMANA

MONTEPASCHI SIENA (4 PUNTI) – SCAVOLINI BANCA MARCHE (4 PUNTI)
Domenica 21 ottobre – ore 18,15 – PalaEstra di Siena – diretta televisiva su TVRS (canale 111 del digitale terrestre)

 

L’AVVERSARIO DELLA SETTIMANA

Se ne sono andati Pianigiani, Lavrinovic, McCalebb, David Andersen e Stonerook, cioè cinque grandissimi protagonisti dei cinque scudetti consecutivi conquistati nell’ultimo lustro dalla Montepaschi, ma la formazione del presidentissimo Minucci rimane ugualmente una delle favorite per lo scudetto. Se in campo europeo non sarà facile raggiungere traguardi troppo ambiziosi, per il livello attuale del campionato italiano il roster a disposizione del nuovo head coach Luca Banchi è più che sufficiente per competere ai massimi livelli e giocarsi la chance del titolo contro Milano, Cantù e una probabile outsider.

L’acquisto più prestigioso è senza dubbio quello di Daniel Hackett, che dopo le due splendide annate in maglia Vuelle ha subito fatto vedere le sue qualità anche in Toscana, conquistando un posto in quintetto e restando in campo per 30 minuti di media. L’infortunio che ha tolto dal campo per un mesetto Benjamin Eze toglie un pochino di quantità sotto canestro, con Siena che è già corsa ai ripari con l’ingaggio di Ben Ortner, anche se contro Pesaro non giocherà. Con l’arrivo dell’austriaco sono ben nove gli stranieri tesserati dalla Montepaschi, con due di loro che a rotazione dovranno accomodarsi in tribuna: gli esterni sono il serbo Rasic e il tuttofare Bobby Brown, nello spot di guardia parte titolare David Moss con le spalle coperte dal tiratore Matt Janning, da ali piccole si contendono il posto l’ex varesino Kangur e Marcelus Kemp, mentre sotto canestro l’acquisto del miglior rimbalzista del campionato Viktor Sanikidze è un grandissimo colpo, considerando che il suo cambio è un veterano con grandissima esperienza come il croato Mario Kasun.

La pattuglia degli italiani è guidata dal capitano Marco Carraretto, con i lunghi Tomas Ress e Luca Lechtaler a completare i 12 a referto.

 

IL MOMENTO DELLE SQUADRE

Comincia a intravedersi la mano di Ticchi in questa Scavolini Banca Marche. L’attacco sta assorbendo i diktat del coach riminese, con il triangolo come punto di partenza per tutte le azioni. Basta vedere il 9 su 9 di Crosariol per comprendere la praticità di questo schema offensivo con la costante ricerca dell’uomo libero per una soluzione ad alta percentuale realizzativa. Anche la grandinata da tre punti del terzo quarto è figlia della circolazione della palla, anche se è chiaro che le percentuali nel tiro da fuori sono una variabile impazzita e non sempre si potrà tirare con queste medie. Preoccupa Valerio Amoroso apparso un po’ fuori giri rispetto ai compagni e troppo nervoso quando richiamato in panchina, il napoletano sta tirando male da tre (3 su 13) e fatica a liberarsi sottocanestro, dove appare troppo lento per eludere le marcature avversarie, anche in difesa si stanno provando nuove soluzioni con l’uso della zona come arma tattica, tutte piccole cose che verranno utili nel corso della stagione.

La Montepaschi è reduce dalla sconfitta in volata a Tel Aviv contro il Maccabi, con l’ex pesarese Ricky Hickman determinante nei minuti finali. Siena ha controllato per quasi tutta la partita fallendo nel finale il tiro del possibile supplementare. Una prova ulteriore del valore della formazione toscana che contro la Scavolini Banca Marche vorrà sfogare tutta la sua rabbia per l’occasione persa in Israele.

 

IL DUELLO CHIAVE

Daniele Cavaliero vs Daniel Hackett
Dopo essersi marcati a vicenda tante volte in allenamento, domenica i due saranno avversari. Hackett proverà a mettere in difficoltà il triestino con continue penetrazioni per sfruttare la maggior stazza fisica, Cavaliero sfiderà il pesarese a tirare da fuori, notoriamente il punto debole di Hackett.

 

UN PO’ DI NUMERI

Statistiche individuali
Andrea Traini quarto nella percentuale ai liberi, Lamont Mack quinto nel tiro da tre, Antwain Barbour sesto nelle palle recuperate, Valerio Amoroso decimo nei liberi, Andrea Crosariol primo nei falli commessi e secondo nella percentuale da due punti.

Statistiche di squadra
Pesaro terza nella percentuale ai liberi, nei punti realizzati e nelle palle recuperate, quinta nella percentuale da due.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>