Gelosia e sangue, accoltella il compagno dell’ex moglie

di 

20 ottobre 2012

FANO – I militari delle Stazioni Carabinieri di San Giorgio di Pesaro e di Fossombrone erano impegnati in un servizio straordinario di controllo del territorio per la prevenzione e la repressione dei reati contro il patrimonio nella zona tra Saltara e Fossombrone, in particolare dei furti in appartamenti ed in danno di attività commerciali, predisposto dal Comando della Compagnia CC di Fano e volto a contrastare la microcriminalità e ad assicurare più sicurezza ai cittadini, quando, poco prima della mezzanotte, alla centrale operativa del Comando della Compagnia di Fano giungeva una chiamata al numero di pronto intervento 112 da parte di una donna di Saltara, che riferiva di un accoltellamento subito dal compagno ad opera dell’ex marito.

I carabinieri, giunti subito sul posto, appuravano che un 52enne impiegato, ex marito della donna dalla quale è divorziato, in stato di alterazione psicofisica derivante dall’abuso di alcol, si era recato nel piazzale dell’abitazione dell’ex coniuge e, con un grosso coltello da caccia, aveva tagliato gli pneumatici delle due autovetture in uso alla donna ed all’attuale compagno, un 51enne commerciante della zona. Quest’ultimo, che era in casa con la compagna 50enne, sentiva provenire dal piazzale dell’abitazione dei forti rumori, quelli prodotti dalla squarcio delle gomme trafitte dal coltello e, uscito fuori, notava l’ex marito della compagna ancora con il coltello in mano, che non appena accortosi della sua presenza lo minacciava brandendo l’arma contro di lui, fino a colpirlo al volto prima con un pugno e poi con il coltello. L’aggredito, per sua fortuna, riusciva a schivare diversi colpi, compresi un fendente all’altezza del collo venendo però attinto al volto cadendo poi a terra e riportando così solo un taglio alla guancia sinistra ed alla mano destra con la quale cercava di ripararsi dai violenti colpi. A quel punto l’aggressore desisteva salendo sulla propria autovettura, parcheggiata poco distante, ed andandosene via anche perché le grida dell’aggredito avevano richiamato l’attenzione dei vicini. Mentre la vittima veniva soccorsa dalla donna e ricorreva poi alla cure dei sanitari dell’ospedale di Fossombrone, i militari, immediatamente intervenuti sul posto in quanto impegnati nelle vicinanze, si attivavano nelle ricerche dell’uomo, che veniva poi individuato in Monte Maggiore al Metauro e tratto in arresto con le accuse di “lesioni personali aggravate e danneggiamento aggravato”. L’arrestato è stato così rinchiuso nelle camere di sicurezza del Comando in attesa del giudizio per direttissima, mentre l’aggredito è stato giudicato guaribile dai sanitari in gg. 10 s.c. Sono in corso le ricerche dell’arma utilizzata per l’aggressione, un grosso coltello da caccia, del quale il 52enne si sarebbe disfatto lanciandolo dall’autovetture nelle campagne circostanti mentre si dava alla fuga.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>