Una squadra bellissima, una curva fantastica

di 

22 ottobre 2012

PESARO – Due pullman nella notte si fermano a distanza di pochi minuti nel grande parcheggio davanti all’Adriatic Arena. Riportano a casa i tifosi delle squadre pesaresi in trasferta a Siena e Modena. Stati d’animo differenti. Da una parte la gioia di chi ama la pallavolo femminile, dall’altra la delusione di chi segue la Vuelle. Peccato, perché poteva essere una domenica fantastica per lo sport pesarese, grazie anche alla Vis. E’ andata male a Siena, poteva essere una grandissima vittoria. Pazienza, la Scavolini Banca Marche proverà a rifarsi già domenica prossima, quando a Pesaro arriverà la capolista Sassari.

I Balusch domenica sera nella cuca del Pala CasaModena

I Balusch domenica sera nella cuca del Pala CasaModena

Solo sorrisi e qualche coro nel pullman che ha riportato a casa i Balusch. E il ricordo che la partita è cambiata quando i tifosi pesaresi hanno iniziato a “saltellare”. La Gigia ricorda anche la scaramanzia degli anni di Ze Roberto: “Vinciamo sempre i set in cui mettiamo giù la prima palla”.

L’emozione vissuta a Modena è grande, la gioia di più. A un certo punto, nel palasport CasaModena si sentivano solo i Balusch. In campo una squadra bellissima, in curva una tifoseria fantastica. Ora l’appuntamento è alle ore 16 di domenica quando la Robur ospiterà Piacenza, sì la squadra allenata dal marottese Davide Mazzanti, il compagno di Serena Ortolani, e soprattutto di Francesca Ferretti, capitano della passata stagione, protagonista degli anni d’oro della Robur. Gigia è sua grande amica, come è amica di tante giocatrici che hanno indossato la maglia pesarese. A proposito, domenica, i cori dei Balusch hanno emozionato un’altra ex, Natalia Brussa.

Dunque, Gigia è in continuo contatto con Francesca, che domenica ha saltato l’impegno casalingo contro l’Icos Crema di un’altra ex, Laura Saccomani, e non dovrebbe giocare neppure mercoledì, in Coppa Cev, gara di andata dei sedicesimi di finale, quando le piacentine saranno ospiti delle ucraine del Kontynium Volin Lutsk. Ma Francy, alle prese con un infortunio addominale, farà di tutto per esserci domenica, quando probabilmente vivrà una delle emozioni più intense della sua carriera. E se anche proverà a mascherarla ci penserà l’affetto dei Balusch, che non hanno voluto anticipare niente sui preparativi, a farle provare un lunghissimo brivido. Perché se in campo c’è una Robur bellissima, la curva è semplicemente fantastica. Ah, se il pubblico del PalaCampanara seguisse le partite con la passione dei Balusch!

4 Commenti to “Una squadra bellissima, una curva fantastica”

  1. Grazie Luciano, le tue parole mi commuovono da vecchio sostenitore dai tempi di Montecchio.
    Questa mattina, ancora rauco per la foga di sostenere le nostre pantere, più che “colibry”, ho pensato la stessa cosa:
    come si potrebbe scaldare il cuore dei pesaresi per affezionarli a questa squadra?
    Mi sembra così innaturale non esserlo e ieri a Modena, per davvero, sembrava ci fossimo solo noi……………
    Vabbè, forse ancora io vivo di queste emozioni, e per queste emozioni, fortuna che ci sono persone come te che
    almeno provano a trasmetetrle ai lettori, con me ci sei riuscito, speriamo che succeda a tanti altri.
    Un abbraccio ale dido

  2. Mauro Filippini scrive:

    ……io non ero a modena…..ma la cronaca di mainoldi ed il commento tecnico di luciano…mi hanno coinvolto tantissimo…perche’ anche loro si sono lasciati trascinare dalla cavalcata vincente delle colibrì…e hanno comunicato il loro entusiasmo attraverso la radio….sempre piu’ increduli e felici verso la vittoria delle colibrì…ritenuta impossibile solo 2 ore prima..:)

  3. luigia scrive:

    grazie grazie grazie
    bellissmo condividere e commentare insieme il post partita nel pulman per il ritorno a casa
    nn siamo tanti ma ci mettiamo il cuore …………………………..

  4. aldi51 scrive:

    Bellissimo commento Luciano su quanto hai visto ed è stato a Modena e quel che potrà essere domenica prossima alle ore 16 al Palacampanara, col ritorno di Francesca Ferretti. E gli altri pesaresi? Speriamo che il tuo commento possa fare breccia, così che tanti altri possano gioire delle bellezze di questo sport
    …..

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>