Diverbio con Ticchi, Amoroso messo fuori squadra

di 

25 ottobre 2012

PESARO – Non solo parole alla stampa, anche all’allenatore. Anzi contro l’allenatore. Era accaduto già di notare che tra Valerio Amoroso e Giampiero Ticchi il feeling fosse ai minimi termini. Anche durante l’ottima prova di squadra della Scavolini Banca Marche contro l’Umana Venezia, era sembrato di cogliere qualche parola di troppo.

Amoroso in azione contro la Reyer. Foto Fraternale Meloni

E in verità, a noi era arrivata la voce, da persone attendibilissime, che Valerio avesse chiesto di andare via, di essere lasciato libero. Niente, però, era trapelato dalla sede di Largo Ascoli Piceno e dalle palestre dove si allena la Victoria Libertas. Fino a ieri, quando era circolata la voce di un litigio tra Amoroso e un compagno di squadra, Simone Flamini. Conoscendo da tanti anni Simone, abbiamo dubitato. E infatti il capitano era intervenuto solo per cercare di riportare la calma. Il diverbio era tra Amoroso e Ticchi. Il coach, dimostrando grande sensibilità, nel corso della conferenza stampa settimanale del giovedì, per parlare soprattutto degli avversari e delle condizioni della squadra, ha usato ancora una volta, come già la scorsa settimana, parole misurate, sottolineando che “Valerio è una persona con caratteristiche importanti: ha cuore, entusiasmo, generosità, è un combattente…”. Amoroso, però, non ha partecipato all’allenamento del pomeriggio. Il motivo? E’ stato messo fuori squadra. Non è dato conoscere, al momento, se è un provvedimento temporaneo o definitivo. Quindi una scelta che accontenterebbe Amoroso.

L’unica certezza è che contro Sassari la Vuelle dovrebbe giocare senza una pedina importante. Ma il gruppo – lo confermava Ticchi la scorsa settimana – conta di più. E un allenatore contestato così vibratamente da un giocatore perderebbe credibilità se non venissero presi provvedimenti. Il problema è che Amoroso è italiano e utilizzando il gruppo italiano la Vuelle confida di incassare, anche quest’anno, il relativo premio (250.000 euro già messi a bilancio).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>