Un’app per il nostro territorio, studenti in gara

di 

26 ottobre 2012

PESARO – Un concorso d’idee. Sia perché, nel gruppo di lavoro che lo ha definito, si spazia di Terziario Donna di Confcommercio a Legambiente, dal mondo della scuola a quello della tecnologia di ultimissima generazione, ma anche perché sarà un concorso vero e proprio e coinvolgerà gli studenti delle scuole superiori della nostra provincia.

Un momento della presentazione di GarApp

“GarApp”, il concorso d’idee 20012, funzionerà così: i partecipanti (sia singoli che in gruppo, anche formati da studenti di scuole diverse) dovranno scegliere un tema fra quelli proposti e tutti collegati alla green economy nel nostro territorio (ovvero: turismo, mobilità, rifiuti, agricoltura, eno-gastronomia, eventi, arte, musica, bioedilizia, energia, wellness e tecnologia), sviluppando il progetto di un’App che serva a valorizzare il nostro territorio. Le tre idee vincenti si trasformeranno da progetto ad App vero e proprio per tablet e smartphone che porteranno il nome di coloro che l’hanno pensata. In palio anche i-pad, viaggi legambiente e altri app. Il gruppo di lavoro è formato da Patrizia Caimi, Michele Pietropaolo, Ferdinando Leoni, Barbara Canistri, Settimio Perlini, Arianna Mamini e Sara Muratori. La consegna dei progetti dovrà avvenire entro il primo marzo 2013. Il regolamento si scarica al link: www.ambientebenessere.org (per info spedire una mail ad ambientebenessere@gmail.com). Il concorso sarà aperto alle votazioni sulla pagina facebook www.facebook.com/garapp2012

Amerigo Varotti, direttore Confcommercio: “Riprendiamo un dialogo e confronto con Legambiente. La storia dei rapporti tra Confcommercio e Legambiente è antica. Realizzammo, insieme, una volta uno studio sui piccoli centri: quel progetto è ancora valido. Noi constatiamo un costante uso del territorio e cementificazione del territorio, come il progetto dell’outlet di Mondolfo, c’è un decreto del Governo Monti approvato qualche settimana fa per fermare il consumo del suolo e il  30 ottobre faremo un’assembla pubblica a Marotta per stoppare questa realizzazione. Altro obiettivo importante di questo concorso: metterci a contatto con il mondo della scuola e dei giovani, solo se nasce questa consapevolezza c’è futuro. Puntare sulla green econonomy, sull’ambiente, sul territorio. Dobbiamo puntare sui beni nostri, ambiete, cultura, prodotti enogastronomici. Noi crediamo che con la cultura si possa mangiare e fare economia”

 

Patrizia Caimi, presidente Terziario Donna:

“Questo progetto è nato perché Terziario donna vuole creare un progetto nuovo per aiutare tutte le nostre imprese associate. Dopo il progetto di green economy del 2011 (molto riuscito e che altri hanno richiesto di poter realizzare nel resto d’Italia, ndr), abbiamo deciso di ripuntarci, rendendolo ancora più attuale e innovativo. Valorizzando territorio, turismo, ambiente ed enogastronomia, arte e musica”.

 

Sara Muratori, vicepresidente Legambiente Pesaro e consulente Terziario Donna:

“Il dialogo tra i giovani è facile ma difficile quello tra loro e il resto della società. Cosa è un’app: qualcosa che dà servizi interattivi. Ma il significato è più complesso. Importati sono l’uso e le esigenze: è un mezzo che viaggia su nuovi sistemi operativi come tablet e smartphone. Noi ci abbiamo messo come chiave di volta la green economy. L’obiettivo è capire quali saranno le app che serviranno di più in questo senso”.

 Michele Pietropaolo, vice presidente Legambiente Pesaro e presidente Istituto nazionale Bioarchitettura:

“Noi crediamo a questo concorso di idee, legate al tema della green economy. Per dare forza al nostro territorio pensiamo ad applicazioni che avranno utilità legate a queste due cose. I ragazzi hanno carta bianca, partendo da un’app che dovrà essere legata all’ambiente e al territorio. L’app, per esempio, potrebbe essere anche un gioco. Il concorso parte da oggi ed entro il primo marzo gli studenti dovranno consegnare elaborato grafico in A1, seguendo una regolamentazione precisa. Poi, questo elaborato, sarà inserito nella pagina Fb e attraverso il “mi piace” saranno votati anche dagli utenti. A giugno, con un convegno, verrano premiate le prime 3 applicazioni che poi saranno sviluppate. Ma ci saranno anche premi dal quarto al sesto classificati. Puntiamo sulla creatività e sul genio artistico. Ma applicato all’informatizzazione”. Il futuro guardando al passato.

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>