Addio a Ettore Sordini, il maestro di Patafisica e pittura del Novecento che amava Cagli

di 

2 novembre 2012

FOSSOMBRONE – Se n’e è andato a Fossombrone, non lontano dall’amata Cagli che aveva scelto come casa. D’altronde era qui che aveva vissuto il padre Giuseppe, che fu prima tromba alla Scala con Arturo Toscanini. Ettore Sordini, artista della pittura del Novecento, maestro della “Patafisica”, si è spento a 78 anni.

Ettore Sordini davanti ad una sua opera - Alla Galleria Arte Studio di Milano 2002 (Archivio Ettore Sordini)

Ettore Sordini davanti ad una sua opera - Alla Galleria Arte Studio di Milano 2002 (Archivio Ettore Sordini)

La versione online del Carlino riporta che ha vissuto il calvario della malattia “quasi con distacco assistito in questi lunghi mesi amorevolmente dalla moglie Maria Vittoria Dierna e dal figlio Federico e seguito con grande affetto dai tanti amici, delle più diverse estrazioni sociali culturali e generazionali, che lo hanno stimato e amato. Di questi, uno rimasto anonimo, nelle ultime sere lo ha vegliato per un po’ nella sua camera in ospedale a Fossombrone. Poi ha chiesto all’efficiente e gentile personale di servizio una matita con cui ha scritto sul muro “l’infinito ti attende – l’Italia ti ama – grazie Ettore”.

Nel 2010 la città di Cagli ha conferito ad Ettore Sordini il Premio dell’Angelo anche quale riconoscimento al suo indubbio magistero esercitato in vari periodi storici a Cagli, al suo attaccamento alla città paterna per la quale ha saputo esprimere gesti di eloquente generosità.

L’ultimo saluto terreno domani nella sala del Commiato del Cimitero Monumentale di Perugia alle ore 14. I tanti amici insieme ai parenti più stretti lo ricorderanno e lo saluteranno per l’ultima volta con le note delle musiche del padre Giuseppe.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>