Formica: “Rammaricato che si sia deciso di cancellare un sistema fieristico regionale”

di 

8 novembre 2012

Mario Formica

Mario Formica, presidente di Fiere delle Marche

di Mario Formica*

PESARO – In sede di assemblea del 7 novembre la Camera di Commercio, dopo aver dichiarato di non essere disponibile alla ricapitalizzazione, ha ritenuto che la società fosse sciolta per legge ed ha proposto la messa in liquidazione votando a maggioranza, con il voto contrario del socio privato che ha sempre operato invece per lo sviluppo e la continuità e nella prospettiva che il socio CCIAA rispettasse gli impegni assunti a più riprese circa la “continuità aziendale” così come deliberato dalla assemblea dei soci in occasione della approvazione del bilancio 2011 di cui alla nota integrativa e confermato dalla società di revisione e dal collegio sindacale. Ma il tutto meglio si potrà evincere dal verbale redatto dal notaio che a breve sarà registrato e quindi pubblico. Per quanto attiene invece alla copertura della perdite di competenza del socio privato per gli esercizi 2011-2012, ritengo non conforme quanto dichiarato dalla CCIAA e che il socio privato per quanto di sua spettanza ha regolarmente coperto le perdite per il 2011 e parte del 2012 fino al concorso complessivo di euro 400.000, relativi al capitale sociale versato interamente, come sempre dichiarato ed agli atti della documentazione sociale.

Non ho altro da aggiungere e con grande rammarico prendo atto del fatto che sia stata decisa dal socio di maggioranza la cancellazione di un sistema Fieristico Regionale. Rilevo solo la inadeguatezza di un Presidente di CCIAA che agisce in totale disprezzo degli interessi del territorio, il quale di fatto dovrà farsi carico economicamente del suo operato, cercando solo una rivalsa personale alla lesa interruzione di una parte dei suoi evidenti conflitti di interesse familistici.

Non intendo rispondere ad alcuna provocazione fatta nel comunicato della CCIAA circa la mia gestione ed i miei interventi sulla stampa, chi mi ha conosciuto trarrà le sue conclusioni. Lo sport della denigrazione non appartiene al mio modo di fare, saranno gli atti ed i documenti a chiarire il tutto e non le chiacchiere come sempre create artatamente.

Ecco la versione integrale dell’intervento effettuato dal scio privato nella assemblea di ieri, certo che potrà esserVi utile per una migliore comprensione dei fatti accaduti:

In qualità di Presidente del Consiglio di Amministrazione di Fiere delle Marche dichiaro che la situazione economica e patrimoniale al 31 agosto 2012 redatto (a maggioranza) dai Consiglieri Alberto Drudi e Giuseppe Cinalli (con il mio voto contrario) non riflette, se non in modo parziale (ossia per 270.000 euro), l’impegno formalmente assunto dal socio di maggioranza Camera di Commercio di Pesaro-Urbino di accollarsi la copertura delle perdite relative alla fase di start up della società (esercizi 2011 e 2012).

Tale impegno (disatteso in fase di redazione del suddetto bilancio) risulta chiaramente espresso dal’insieme dei documenti che seguono:

1) La nota integrativa al Bilancio al 31.12.2011 riporta la seguente attestazione circa la Continuità Aziendale:

Il 2011, come precedentemente riportato, è stato per la società un anno di grande trasformazione. Nel contempo, causa impedimenti sopravvenuti, in parte dovuti anche alla difficile situazione economica che vive il nostro Paese nel suo complesso, si è dovuto prendere atto dell’impossibilità di operare secondo il calendario fieristico ipotizzato al momento dell’ingresso del socio privato (valga al riguardo l’annullamento dell’edizione 2011 del Salone del Mobile).

Per tale motivo la società chiude il 2011 con una perdita che, sebbene in diminuzione rispetto all’esercizio precedente, ammonta ad euro 487.675, ponendola nelle condizioni di cui all’articolo 2446 del codice civile; di conseguenza nel corso del 2012 i soci saranno chiamati a valutare le eventuali esigenze finanziarie della società e gli eventuali interventi di ricapitalizzazione.

Il piano industriale per il periodo 2012 – 2016 è attualmente in fase di revisione anche alla luce dei ritardi nel trasferimento a Fiere delle Marche delle manifestazioni ex E.R.F. (tra cui la Fiera della Pesca).

Tali ritardi condizioneranno anche i risultati previsti per il 2012, per cui si prevede un ritorno alla redditività aziendale negli anni successivi.

In tale contesto gli Amministratori hanno redatto il presente bilancio nella prospettiva della continuità aziendale ravvisata nell’impegno assunto dal socio di maggioranza (rectius: Camera di Commercio) volto a garantire il necessario sostegno finanziario per la prosecuzione delle attività per un periodo non inferiore a dodici mesi dalla data di approvazione del presente bilancio” (rectius: giugno 2013).

2) Tale impegno è altresì evidenziato nella Relazione della società incaricata della revisione contabile, Ernst & Young, datata 18.6.2012, che al punto 4 recita: “la Società, nel corso dell’esercizio, ha conseguito una perdita significativa, che la pone nella condizione di cui all’art. 2446 del codice civile: nella nota integrativa gli Amministratori riferiscono di aver redatto il bilancio nella prospettiva della continuità aziendale ravvisata nell’impegno assunto dal socio di maggioranza ( CCIAA di Pesaro e Urbino) volto a garantire il necessario sostegno finanziario per la prosecuzione delle attività”

3) La Relazione ex art 2446 del 30.5.2012 redatta dal Collegio Sindacale in cui si rappresenta che:

…il versamento in conto copertura perdite per euro 270.000 effettuato dal socio Camera di Commercio rientra nell’impegno, da quest’ultimo manifestato, a sostenere il progetto “Fiere delle Marche” in questa fase di avvio …”

4) Il verbale del cda del 30 maggio 2012 che, a pag. 3, fa chiarezza, in modo inequivocabile sull’impegno assunto dal socio Camera di Commercio, così come confermato dai Consiglieri di nomina dell’Ente camerale Sigg.ri Drudi e Cinalli:

…”Non potendo il socio privato (rectius: FAIR SOLUTIONS S.R.L.) farsi carico di perdite non dipendenti dalla gestione ma esclusivamente da fatti che, dati per certi nella fase che ne ha preceduto l’ingresso nel capitale, non si sono poi avverati, il socio Camera di Commercio ha condiviso la necessità di accollarsi la copertura delle perdite che caratterizzeranno lo start up del progetto “Fiere delle Marche” da tutti giudicato di grande valenza per l’intero territorio regionale.

Il dott. Alberto Drudi ed il dott. Giuseppe Cinalli confermano quanto esposto dal Presidente ed il Consiglio, all’unanimità, approva la situazione patrimoniale ex art. 2446 da sottoporre all’assemblea dei soci come sopra indicato…”.

5) In data 21 giugno 2012, il Collegio Sindacale redige le proprie Osservazioni ex art 2446 relativamente al bilancio al 31 marzo 2012 richiamando espressamente sia l’impegno assunto dal socio Camera di Commercio in relazione al “…versamento in conto copertura perdite per Euro 270.000 già deliberato dal socio pubblico Camera di Commercio..”, sia “… la conferma di disponibilità del socio di controllo a sostenere versamenti di capitale a fronte di coperture perdite e prevedendo inoltre riduzione di costi, soprattutto sul lato della spesa da canoni per locazione immobili”. Nonché “… dell’ulteriore impegno del detto socio pari ad Euro 400.000 per un ulteriore versamento in conto copertura perdite, da formalizzare entro breve termine, con atti deliberativi di Giunta e poi di Consiglio”.

6) In data 25 giugno 2012 l’assemblea dei Soci di Fere delle Marche approva il bilancio dell’esercizio 2011 e, esaminata la situazione al 31 marzo 2012, rinvia a fine settembre ogni decisione in ordine all’eventuale riduzione del capitale per copertura perdite.

7) Al termine dell’assemblea si tiene un Consiglio di Amministrazione in cui, tra l’altro, “…. Il dott. Alberto Drudi, presente a molti degli incontri, conferma quanto riferito dal Presidente e dà atto della disponibilità del sistema camerale marchigiano a dare ampio sostegno ai progetti che verranno sviluppati tramite Fiere delle Marche.

Prosegue poi confermando che oltre ai 270.000 euro già stanziati dalla Camera di Commercio per la copertura delle perdite d’esercizio, la Giunta camerale ha stanziato i previsti ulteriori 400.000 euro che ora dovranno essere oggetto di ratifica da parte del Consiglio camerale previsto per fine luglio.

Comunica altresì che è in attesa di formale accettazione da parte della Fondazione della proposta di azzerare il canone di locazione del quartiere fieristico per gli anni 2012 e 2013.

Conclude il proprio intervento sottolineando il generale interesse a livello politico ed economico al progetto di Fiere delle Marche e pertanto esprime il proprio personale convincimento che, dal 2013, grazie anche al sostegno diretto del socio Camera di Commercio, sarà possibile dare corso a quelle iniziative poste a fondamento dell’intero piano di sviluppo della società.

Il dott. Stefano Tonucci, per conto del Collegio, esprime pieno apprezzamento per l’attenzione mostrata dal socio Camera di Commercio in questa difficile fase di start up del progetto ed invita il Consiglio a porre in essere ogni azione volta a migliorare l’efficienza della gestione ed a contenere l’incidenza dei costi fissi.

Il dott. Tonucci invita altresì il Consiglio a predisporre, possibilmente entro il mese di luglio, una situazione aggiornata al 30 giugno 2012 al fine di poter valutare la possibile evoluzione del risultato gestionale”.

8.) In data 21.6.2012 il Collegio Sindacale di Fiere delle Marche S.p.A. nelle osservazioni ai sensi dell’art. 2446 c.c. ribadisce che “la prospettiva di continuità aziendale, sulla base della è stata redatta la situazione patrimoniale al 31 marzo 2012, in data 30 maggio 2012, appariva al momento della sua redazione priva di dubbi significativi, stante la conferma del socio di controllo a sostenere versamenti di capitale a fronte di coperture perdite…”

Tutto ciò premesso e considerato, è incontrovertibile l’impegno assunto da CCIAA di Pesaro e Urbino per opera dei Suoi rappresentanti in seno a Fiere delle Marche di corrispondere tutti gli importi necessari all’integrale copertura delle perdite nel periodo di start up (esercizi 2011 e 2012) per complessivi euro 1.908.288.

A riprova, in data 30.10.2012, il Collegio Sindacale di Fiere delle Marche S.p.A., su espressa richiesta del Presidente del Consiglio di Amministrazione, circa la veridicità dei verbali del CdA del 30.5.2012 e 25.6.2012 (con cui il socio CCIAA di Pesaro e Urbino, per il tramite dei suoi rappresentanti Sigg.ri Alberto Drudi e Giuseppe Cinalli, si obbligava alla copertura delle perdite nel periodo di start up – esercizi 2011 e 2012), esprimevano chiaramente che “quanto risultante dai verbali è aderente al deliberato del Consiglio”.

In conclusione si ribadisce e si fa presente ai Soci, che la situazione economica e patrimoniale al 31 agosto 2012, che i Consiglieri Alberto Drudi e Giuseppe Cinalli hanno deliberato di sottoporre ai Soci di Fiere delle Marche, a fronte delle perdite sofferte sino a tale data, non riporta il corrispondente impegno assunto, loro tramite, dal Socio Camera di Commercio di Pesaro-Urbino a farsi, unilateralmente, carico della loro copertura (lasciando indenne il Socio FAIR SOLUTIONS S.r.l.), mediante adeguati versamenti in conto copertura perdite di cui lo stanziamento di euro 270.000 non è altro che un primo acconto.

Se il Socio Camera di Commercio di Pesaro-Urbino avesse tempestivamente adempiuto all’obbligazione assunta (ad oggi, ogni precedente richiesta di adempimento dei versamenti come sopra specificati è rimasta infruttuosa, ivi compresa la diffida del 19.10.2012), il bilancio sociale al 31 agosto 2012 non presenterebbe alcuna situazione deficitaria bensì un capitale sociale di euro 850.000 assolutamente integro.

Invito pertanto il Collegio Sindacale a confermare quanto sopra riferito ed il Socio Camera di Commercio di Pesaro-Urbino a rispettare gli impegni assunti coprendo per intero le perdite sofferte dalla società sino a tutto il 31 agosto 2012, così assicurando l’integrità del capitale sociale nell’attuale composizione e le condizioni di continuità aziendale di cui si è fatto unilateralmente carico.

*Presidente Fiera delle Marche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>