La Robur vista dalla curva: “Kgs, Ke Grande Squadra”

di 

15 novembre 2012

PESARO – Quando sono arrivata al PalaCampanara mancava più o meno mezz’ora all’inizio del match e quasi tutti i (pochi) Balusch erano seduti nel nuovo settore a loro dedicato.

 

Forse sarà stata anche la nuova posizione dei tifosi a portar fortuna alle ragazze? Non penso, il bel risultato che noi tutti ormai conosciamo nasce da più lontano, nasce dalla palestra, da un allenatore meticoloso che coadiuvato dal suo staff giorno dopo giorno lavora al fianco di questo giovane gruppo, per farlo crescere un passettino per volta.

 

I Balusch con Monica De Gennaro

I Balusch con Monica De Gennaro

Le colibrì stanno acquisendo consapevolezza nei propri mezzi e grazie a loro anche tra i Balusch si respira aria nuova. La serenità e la spensieratezza che sabato sera si respirava in curva sono sensazioni che non si percepivano da tempo, e pazienza se a Pesaro gli spettatori non sono numerosi e i tifosi sono ancora meno, ci si rimbocca le maniche e si fa quel che si può con chi c’è.

 

I Balusch instancabili hanno cantato ininterrottamente, le uniche pause erano per riprendere fiato e decidere quale coro scegliere. Eh sì, perché venerdì sono stati “composti” i nuovi cori stagionali, quelli personali sono ancora pochi, ma assieme alle ragazze anche i tifosi miglioreranno.

 

Stiamo cercando di evitare di pronunciare la “Scavo” nelle nostre canzoni, e dopo le prime difficoltà iniziali ci stiamo anche riuscendo bene, devo dire che pensavo sarebbe stato più complicato in fondo ormai veniva naturale chiamarla così, era il nome che identificava questa squadra.

 

Dopo i primi due set c’era già chi ipotizzava il risultato finale e il 3-1 era il più gettonato, ma io da superscaramantica non mi sono espressa predicando pazienza e calma.

 

Queste colibrì hanno compiuto una grande impresa, hanno battuto le Campionesse d’Italia 3-0 riuscendo a mantenere la concentrazione anche quando la Yama, trascinata da Arrighetti, tentava la rimonta.

 

Sono cresciute in campo e psicologicamente come un vero gruppo sa fare, Ke Grande Squadra questa KGS, ragazze innamorate della maglia che indossano proprio come i loro tifosi. Colgo l’occasione per invitare sempre più gente al palazzetto e in curva, ne vale la pena.

3 Commenti to “La Robur vista dalla curva: “Kgs, Ke Grande Squadra””

  1. supercarol scrive:

    E brava la Giada!!

  2. Marta Vips scrive:

    Mi piace molto di più leggere il punto di vista dalla curva che quello sempre uguale e un po’ noioso della tribuna stampa (scusate colleghi!) ..complimenti Giadina, il tuo pezzo trascina ed emoziona. Foste più vicini verrei anch’io a divertirmi in curva con voi :-)

  3. Giada Biagioli scrive:

    Grazie Supercarol, grazie Vipssss! <3

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>