La Chateau d’Ax punita dalle centrali. LE FOTO

di 

18 novembre 2012

 

CHATEAU D’AX – UNENDO YAMAMAY 1 – 3

CHATEAU D’AX: Giombetti ne, Negrini 6 (4/26 15%; 1 errore, muri subiti 2, fatti 1), Dugandzić 7 (4/15 27%; mf 3), Sykora ne, Van Hecke 17 (17/53 32%; 6 e, ms 2), Petrauskaite 17 (13/40 33%; 5 e, ms 2, mf 4), Vallese (L: ricezioni 43, errori 3, 78% pos., 48% per.), Santini ne, Partenio 5 (5/13, 33%; 1 e, 2 ms), Gentili ne, Dall’Igna 1 (1/3, 33%), Angelelli, Leggs 9 (6/13, 46%; 1 ms, mf 3). All. Ettore Guidetti.

UNENDO YAMAMAY: Faucette 18 (15/36, 42%; 2 e, 4 ms, 2 mf), Lloyd 3 (1/1, 100%, 2 mf), Brinker, Leonardi (L: ricezioni 22, 91% pos., 64% per.), Marcon 2 (2/25, 8%; e 5, ms 1), Bauer 20 (15/28, 54%; 2 ms, mf 2), Kozuch 15 (14/44, 32%; e 2, 3 ms, 1 mf), Lombardo ne, Arrighetti 10 (9/19, 47%; 1 e, 1 ms, 3 mf), Caracuta, Pisani ne, Bisconti. All. Parisi.

ARBITRI: Cardaci e Venturi.

PARZIALI: 17-25; 25-18; 18-25; 21-25 in 108 minuti.

STATISTICHE SQUADRA:

CHATEAU D’AX: Battute 82, errori 8, punti 1. Ricezioni 88, errori 4, positiva 68%, perfetta 50%. Attacchi 163, errori 13, muri 10, punti 50, 31%. Muri 11.

UNENDO YAMAMAY: Battute 92, errori 4, punti 4. Ricezioni 74, errori 1, positiva 82%, perfetta 64%. Attacchi 153, errori 10, muri 11, punti 56, 37%. Muri 10.

URBINO – Peccato, perché la Chateau d’Ax non è riuscita a imitare le cugine colibrì imponendo il bis all’Unendo Yamamay, che passa al Urbino grazia all’accoppiata Arrighetti-Bauer. Guidetti, invece, deve fare a meno dell’esperienza di Lucia Crisanti, che sarebbe stata utilissima contro le due bustocche. Così, affidandosi soprattutto a Van Hecke e Petrauskaite, che attaccano 93 delle palle giocate dalle ducali, la difesa tricolore ha punti di riferimento che le agevolano il lavoro. E se Negrini chiude con il 15% diventa più difficile. Non così per Busto, che può avviare alla serataccia di Marcon con i 32 punti (a 16) delle centrali, troppo ricche di esperienza e di classe per non sovrastare le avversarie Dugandzić e Leggs.

Il primo set è delle campionesse, che allungano decisamente sul 6-13, ma subiscono la reazione delle ducali, che si portano ameno tre (14-17) con un felice momento delle centrali. Urbino è convinta di andare anche a meno due, ma l’arbitro vede un tocco – contestatissimo dalla squadra di Ettore Guidetti – a muro. Busto ringrazia, concede ancora un meno tre alla Chateau d’Ax, ma con Bauer che è un’assicurazione sulla vita (attacco vincente seguito da un muro) se ne va. Sul 17-24 è ancora la franco-norvegese a chiudere, con un ace: 17-25.

Le farfalle iniziano bene anche il secondo set: 6-9. Sostenute dai Fedelissimi, le ducali rispondono con un perentorio 10-2 sostenuto dall’insidioso servizio di Dall’Igna. Le tricolori si smarriscono, la loro ricezione è un fantastico passaggio agli attacchi di prima intenzione delle ragazze di casa, che dominano a muro. Il time-out tecnico sembra aiutare Busto (16-12), ma il cambio palla ducale è puntuale: 17-12. Ora gli attacchi lombardi sono problematici, funziona bene il muro-difesa della Robur Tiboni. Parisi toglie Lloyd e dà fiducia a Caracuta. Kozuch si affida al pallonetto: 18-15. Guidetti ferma il gioco. Un’invasione aiuta il tentativo di recupero (18-16). Niente paura, ci pensa Van Hecke. E subito dopo Busto restituisce il favore. Ora è Parisi a chiedere un time-out discrezionale. Il PalaMondolce esplode: dopo uno scambio lunghissimo, Van Hecke mette giù il 21-16. E’ in campo Brinker. Ma la partita è cambiata completamente: un muro alto e possente come i Torricini e Urbino pareggia (25-18).

Apre un attacco di Bauer, Busto se ne va (1-5). Grande reazione ducale (5-7), ma un muro di Arrighetti porta le squadre al primo time-out tecnico con le scudettate avanti 5-8. Busto allunga con l’ex Faucette al servizio (5-10 con ace sporco). Guidetti chiama la sospensione discrezionale. Ma lo svantaggio aumenta: 5-11. Finalmente un attacco urbinate trova il taraflex. E’ brava Partenio a trovare un buon punto che manda al servizio Dall’Igna. La nuova entrata concede il bis. Partenio vanifica spedendo lunga la battuta. Faucette trova uno splendido mani fuori: 10-16. Faucette è scatenata (12-20), Guidetti interrompe il gioco. La risposta è positiva (15-20). Parisi non vuole perdere il vento favorevole e ferma il gioco. L’ennesimo attacco lungo concede una lunga serie di set-ball. Non c’è bisogno: Busto chiude al primo: 18-25.

La voglia di non mollare accomuna la squadra ai tifosi. La Chateau d’Ax apre il quarto set con il piglio giusto: 8-6. Poi si blocca

 

 

 

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA DI ANDREA CECCARINI:

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>