Fap: “Raccolta di firme popolare contro il pedaggio e diffida legale a Provincia e Regione”

di 

21 novembre 2012

dal Fap riceviamo e pubblichiamo:

 

FANO – Dopo la conferma della volontà di mettere a pedaggio anche i tratti esistenti della E78 continua la battaglia del movimento “Fronte di Azione Popolare Pesaro-Urbino” sulla questione. Alle dichiarazioni di conferma di pedaggio risponde direttamente il presidente del FAP Giacomo Rossi che nei giorni scorsi ha guidato la partecipata mobilitazione popolare a Lucrezia.

FAP, un recente sit-in davanti la Provincia

Dice Rossi: “Dato che il Presidente Ricci ha confermato la propria volontà di messa a pedaggio della tratta già esistente della E78 la nostra battaglia prosegue ancora più forte. Il “Fronte di Azione Popolare Pesaro-Urbino si farà promotore di una raccolta firme per dire no al pedaggio e alla paventata chiusura delle uscite (smentita solo a parole). La raccolta firma sarà “neutra” senza colori politici o partitici, perchè noi del FAP crediamo che questa battaglia sia del territorio e non debba avere connotazioni politiche. Quindi, chi volesse aiutarci a prendere le firme e spargere i moduli può farlo contattandoci quanto prima”. All’iniziativa hanno deciso di aderire da subito Laura Serra dell’Idv Fano la quale, insieme a Rossi e al Fap, presenteranno a breve i moduli e le modalità della raccolta firme. Prosegue Rossi; “Con il nostro legale inoltre, stiamo producendo una diffida legale a Provincia e Regione per diffidarli dal compiere questa ennesima “aggressione al territorio. Ribadiamo che siamo a favore del completamento della Fano-Grosseto ma vorremmo che sia completata bene, senza chiusura delle uscite e senza mettere alcun pedaggio nella tratta esistente e già pagata dai cittadini. Il pedaggio venisse eventualmente messo solo nelle tratte da realizzare se questo è l’unica maniera per finire i lavori”. Ribadisce Rossi; “La gente non è stupida e non cade nei tranelli di disinformazione creati ad hoc da Ricci e Spacca. Il ricatto “o il pedaggio o niente” ha dell’assurdo. Il nostro Territorio non potrebbe accettarlo anche perchè il completamento della Fano-Grosseto é di per sé un dovere, in quanto questa arteria è già stata ampiamente pagata nel tempo dai cittadini. E poi perchè la Quadrilatero tanto cara a Spacca gratis e questa incompiuta a pagamento?” Conclude il presidente del FAP; “Rinnovo l’ invito ai vari comuni e ai vari partiti politici a presentare e votare il nostro ordine del giorno sul no al pedaggio in difesa della nostra E78, come di recente ha fatto il Comune di Cartoceto che ringraziamo”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>