Marcello Marchesi: un uomo di parola. Domenica, il ricordo

di 

21 novembre 2012

PESARO – Pesaro ricorda l’intellettuale più versatile e creativo del dopoguerra nell’anno del centenario della sua nascita. A raccontarlo al pubblico Enrico Vaime, noto autore televisivo, amico e collega di Marchesi negli ultimi anni della sua vita

 

 

Un momento della presentazione

Scrittore, giornalista, sceneggiatore, regista cinematografico e teatrale, autore radiofonico e televisivo, presentatore, paroliere e pubblicitario: Marcello Marchesi è stato l’intellettuale più versatile e creativo del dopoguerra. A cento anni dalla nascita, il Comune di Pesaro rende omaggio allo scrittore con una mostra di immagini che ripercorrono le fasi salienti della sua vita e con un incontro alla biblioteca San Giovanni – domenica 25 novembre alle ore 17 – cui prenderanno parte il figlio di Marchesi, Massimo, e il noto autore televisivo Enrico Vaime, amico e collega di Marcello negli ultimi anni. Introduce la conversazione Mariarosa Bastianelli, prima biografa di Marchesi, curatrice di un libro per la casa editrice Bompiani e cofondatrice dell’associazione culturale Marcello Marchesi.

 

Attivissimo fin dal periodo prebellico, Marchesi ha lasciato il segno della sua graffiante ironia in numerosi ambiti della comunicazione di massa: il teatro (soprattutto di rivista e musicale), l’editoria e la stampa satirica, il cinema (come soggettista, sceneggiatore e regista di circa 110 film), la radio e la televisione (come autore e conduttore), la pubblicità (fu copywriter di almeno 1.000 slogan).

 

La mostra fotografica a lui dedicata sarà visitabile fino al 9 dicembre durante gli orari di apertura della biblioteca San Giovanni.

 

 

Marcello Marchesi

Marchesi con le Kessler

Marcello Marchesi nasce il 4 aprile 1912 a Milano. Inizia giovanissimo a scrivere testi per la radio, per il teatro di rivista e per i giornali umoristici “Il Bertoldo“ e il “Marc’Aurelio” e partecipa al primo film comico italiano “Imputato alzatevi” di Mario Mattoli. Erminio Macario, Walter Chiari, Alberto Sordi sono solo alcuni dei grandi attori comici che parlano attraverso le sue battute. E poi Totò: Marchesi in coppia fedele con Vittorio Metz è sceneggiatore di molti dei suoi film. Fra le sue canzoni la nota “Bellezza in bicicletta”. Nel 1954 Marcello viene chiamato a far parte della nascente televisione: scopre, tra gli altri, Mike Bongiorno, Sandra Mondaini e Raimondo Vianello. Crea con Carosello la pubblicità televisiva diventando il primo copywriter italiano, alcuni dei suoi slogan fanno ancora parte del nostro linguaggio quotidiano (“con quella bocca può dire ciò che vuole”, “basta la parola”, “il brandy che crea un’atmosfera”). Nel 1963 raggiunge la massima popolarità in tv con “L’uomo di Mezza età” e negli anni ’70 è coautore delle mitiche Canzonissima ’68 con Mina e Canzonissima ‘74 con Pippo Baudo e Loretta Goggi; scrive infine i suoi romanzi cult “Il Malloppo” e “Sette zie”. Nel 1978 muore in mare a 66 anni, lasciando un figlio piccolo, Massimo. Autore per molti anni dimenticato ma sempre vivo nei cuori degli amici, Marchesi ha lasciato tanto di sé in tutto lo spettacolo italiano del ‘900.

 

 

L’associazione culturale Marcello Marchesi

Fondata alla vigilia del centenario dal figlio di Marchesi, Massimo, insieme con Francesca De Santi e Mariarosa Bastianelli, l’associazione sta avviando un’opera di rivalutazione dello scrittore a partire dal recupero e dall’analisi dei materiali da lui lasciati. Per questo ha iniziato a restaurare pellicole e nastri inediti ritrovati nell’archivio e organizzato la prima grande pubblicazione su Marcello Marchesi, Diario Marchesi per la serie Panta Bompiani, e la ripubblicazione dei suoi lavori. Nel 2011 l’associazione ha donato alle più importanti biblioteche italiane, tra le quali la San Giovanni di Pesaro, alcune copie di opere introvabili dell’autore. L’associazione si promuove anche attraverso un sito internet www.marcellomarchesi.it e una pagina facebook ‘Marcello Marchesi Associazione Culturale’.

Info 0721 387770, www.pesarocultura.it. www.marcellomarchesi.it

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>