Abusi su bambina: arrestato sindaco di Casteldelci

di 

4 dicembre 2012

RIMINI – Il sindaco di Casteldelci, comune passato del 2009 dalla provincia di Pesaro e Urbino a quella di Rimini (in attuazione al referendum del 2006), è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia agli arresti domiciliari per violenza sessuale aggravata, nei confronti di una minorenne, e detenzione di materiale pedopornografico.

Mario Fortini, nato a Urbino nel 1951, è stato colpito dal provvedimento scaturito da indagini del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Novafeltria e dalla Stazione Cc di Pennabilli, emesso dal Gip Distrettuale di Bologna Andrea Santucci su richiesta del Pm Simone Purgato della Direzione Distrettuale Antimafia.

L’operazione ‘Aurora’, dal nome di fantasia dato alla ragazzina, è partita in agosto, sulla segnalazione di presunti abusi sessuali compiuti da Fortini sulla minorenne. Secondo le indagini dei carabinieri la vicenda di violenza sarebbe cominciata addirittura nel 2002, quando Aurora non aveva ancora cinque anni, e si sarebbe prolungata fino alla scorsa primavera.

L’inchiesta fu dapprima coordinata dal Pm di Rimini Marino Cerioni, poi confluì, per competenza per materia, alla Dda di Bologna, quando emerse anche l’ipotesi delittuosa di detenzione di materiale pedopornografico. Aurora secondo l’accusa per un decennio sarebbe stata costretta a subire atti sessuali, solitamente all’interno dell’abitazione di Fortini.

I carabinieri – come ha ricostruito l’Ansa –  hanno chiesto e ottenuto un decreto di perquisizione, eseguita lo scorso 6 settembre, e sequestrato telefoni cellulari, personal computer, pen drive, lettori cd rom, dvd ed altri supporti e materiali informatici, in cui è stato rinvenuto materiale pedopornografico. La ragazza, ascoltata con modalità protetta, ha riferito con chiarezza l’accaduto. Al sindaco, ai domiciliari a casa sua, è stato vietato di comunicare, con qualsiasi altro mezzo anche telefonico e telematico, con minorenni e, per sei mesi, con l’intero nucleo familiare di Aurora.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>