In Prefettura “Bonifica idraulica, impianti e reti irrigue: 150 anni insieme all’Italia”: una mostra storico-commemorativa

di 

5 dicembre 2012

Logo Provincia di Pesaro e Urbino

PESARO – Riunire idealmente, in un unico contesto, le opere più rappresentative del mondo della bonifica idraulica, individuate per aree idrografiche e scandite da immagini storiche, progetti, commenti e didascalie, in un percorso che va dalle fasi storiche iniziali ai giorni nostri. E’ l’obiettivo che ha spinto l’Istituto nazionale di economia agraria (Inea) a dar vita alla mostra nazionale storico – commemorativa “Bonifica idraulica, impianti e reti irrigue: 150 anni insieme all’Italia”, che farà tappa anche a Pesaro, nella Sala Laurana della Prefettura, con inaugurazione venerdì 7 dicembre alle ore 11.

L’iniziativa, messa in campo dalla Provincia di Pesaro e Urbino e dal “Consorzio di Bonifica Foglia, Metauro e Cesano” d’intesa con il Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, vedrà al suo interno anche una sezione dedicata alle attività del Consorzio di Bonifica per la manutenzione del reticolo idrografico minore del comprensorio delle vallate Foglia, Metauro e Cesano.

Nella conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa, il commissario straordinario del Consorzio Claudio Netti ha evidenziato come la bonifica idraulica rappresenti un’azione strategica e prioritaria per assicurare nel tempo il progressivo miglioramento delle condizioni di sicurezza e di qualità ambientale e paesaggistica del territorio: “Nella provincia di Pesaro e Urbino, dal dopoguerra ad oggi, il Consorzio ha realizzato 359 ponti, molte condotte per uso potabile nelle zone montane e non, gran parte della viabilità soprattutto minore. Anche la diga più importante della provincia, quella di Mercatale, è opera del Consorzio di bonifica”. Molte le proposte per il futuro, che verranno presentate anche in mostra.

“E’ però fondamentale – ha aggiunto Netti – che si recuperi quello spirito che fondava sulla figura dell’agricoltore la funzione di presidio territoriale. Agricoltore non più inteso, dunque, come fondamentale produttore di beni ma soprattutto come sentinella dell’integrità del territorio e della sua valorizzazione produttiva ed economica”.

Una visione condivisa dall’assessore provinciale all’Ambiente Tarcisio Porto, che ha anche evidenziato come il Consorzio rappresenti un sistema integrato tra mondo agricolo e Provincia. La mostra si concluderà l’11 dicembre.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>