Raggiunta la vetta, adesso viene il difficile

di 

5 dicembre 2012

Foto di squadra Gabicce Gradara

Foto di squadra Gabicce Gradara

PESARO – Analisi serena, quella del tecnico rossoblù dopo la partita giocata dai suoi domenica e vinto 4-1 contro lo Junior Centro Città. Tre i punti conquistati che hanno permesso al Gabicce Gradara di passare in testa alla classifica, pari merito con Tavernelle, a 23 punti. Prima in classifica dunque, la squadra di mister Cangini può finalmente iniziare a volare alto. Obiettivo più volte espresso, quello di fare il salto di qualità, da dirigenti e presidente, oggi più che mai soddisfatti, alla luce dei risultati ottenuti. Un avvio di campionato un po’ incerto, qualche vittoria mancata, nonostante le buone prestazioni, ma ora il team gabiccino-gradarese ha le idee chiare. In un campionato dove non c’è nulla per scontato, restare nelle zone alte della classifica è d’obbligo.

“Posso ritenermi molto soddisfatto dei miei ragazzi – spiega mister Cangini – Domenica hanno dato prova di meritarsi questo primo porto. La squadra è ed è stata molto equilibrata, abbiamo concesso poco, abbiamo mantenuto un buon ritmo e tutti hanno messo in campo la voglia di giocare a calcio”.

Un Gabicce Gradara che si presenta molto determinato, con un reparto offensivo che sta dando ottimi frutti. Tre le punte schierate per la prima volta domenica contro lo Junior, una strategia efficace che ha visto protagonista quella macchina da gol che è William Muratori. Dieci i gol all’attivo per il bomber romagnolo, ma si sa, nel calcio è importante fare gol, ma anche non prenderli. A questo ci pensa il reparto difensivo, orchestrato dal portiere Giacomo Palazzi, il più concreto del campionato, con soli cinque gol subiti, di cui due su rigore. Sabato si andrà ad affrontare il Pesaro calcio: “Gli avversari si presentano bene – sottolinea Cangini – hanno dei buoni giocatori, noi dobbiamo fare il nostro continuando a mantenere alto il tasso di concentrazione, puntando alla vittoria”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>