Volley, ultima chiamata europea per Urbino

di 

11 dicembre 2012

URBINO – Aggrappata a un filo che la tiene legata alla possibile partecipazione alla Coppa Cev, la Robur Tiboni è in Romania, a Constanta, per tentare il colpaccio a spese della 2004 Tomis che all’andata, nella prima partita dei gironi di qualificazione della Champions League, espugnò il PalaMondolce 3-1. La squadra allora allenata da Ettore Guidetti era incerottata per l’infortunio di Lucia Crisanti e i problemi di Sykora.

Angelelli

La grinta della Angelelli. Foto Ceccarini

Da quel 23 ottobre ad oggi, trascorsi quarantotto giorni, la situazione nell’infermeria ducale non è cambiata, anzi. Crisanti è sempre fuori e chissà quando tornerà, e Vallese è ancora alle prese con la recidiva di un infortunio alla coscia sinistra che la sta tormentando, tanto che coach Radogna, da un paio di settimane alla guida della Robur Tiboni, si è dovuto inventare Negrini libero, viste le difficoltà della giovane Sofia Giombetti.

Forse, la partita odierna (ore 18, diretta su Sportitalia2 e laola1.tv, arbitri il greco Alexandros Varthalitis e il serbo Zdravko Hranić) rappresenta addirittura un ostacolo nella settimana del derby con la Kgs Robursport Pesaro. Ma quando si è in ballo bisogna ballare e allora per non uscire mestamente da tutte le competizioni europee, Urbino deve vincere e sperare che un’altra squadra romena, la Dinamo Rompresti, non faccia punti a Busto Arsizio (stasera alle ore 20,30). A quota 6, la Robur Tiboni sarebbe qualificata per la Coppa Cev. Ma le romene di Constanta sanno che hanno a disposizione un’occasione unica, in casa, davanti al pubblico amico.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>