PesaroFano ko con la corazzata Cagliari

di 

15 dicembre 2012

ITALSERVICE PESAROFANO – NAUTICA STORE CAGLIARI 1-2 (p.t. 0-0)
ITALSERVICE PESAROFANO: Corvatta, Da Silva, Ditommaso, Bracci, Zanchin, Sabatinelli, Cujec, Cresto, Dalle Molle, Ganzetti, Anselmi, Di Maggio. All. Osimani
NAUTICA STORE CAGLIARI: Murru, Mura, Torres Clavijo, Manunza, Alves Carneiro, De Oliveira, Massa, Barbarossa, Bonfin, Mura, Loddo, Ruggiu. All. Podda
ARBITRI: De Poli (Mestre) e Bertini (Empoli), crono Saccomani (Ancona)
MARCATORI: 3’07’’ De Oliveira (C), 13’18’’ st De Oliveira (C), 17’11” Cujec (PF) del s.t.

 

PESARO – Le mani di super Corvatta, in versione Dea Kalì, non sono bastate. E neppure le invenzioni di Cujec, la classe di Dalle Molle, la grinta di Zanchin, i guizzi di Da Silva e la tigna del giovane Cresto. Mister Osimani, contro un grande Cagliari, non a caso alla sesta vittoria di fila, le ha provate tutte fino alla fine.

Anticipo di campionato amaro: l’Italservice ha messo in campo il cuore fino all’ultimo secondo, la fortuna non ha ripagato. Da una parte Corvatta, argentino classe ‘93, decisivo in almeno quattro occasioni e graziato dalla traversa, all’11’17’’ del primo tempo, sulla cometa di Ruggiu. I cagliaritani, perso per tutto il primo tempo Bonfin (botta alla spalla, è poi rientrato a spezzoni nella ripresa), hanno dovuto però fare i conti con un PesaroFano sempre in agguato e mai rinunciatario: Cujec ha scaldato più i guantoni di Murru, Andy Da Silva e Ditommaso hanno sfiorato più volte il bingo. Questione di centimetri.

L’azione decisiva al 3’ della ripresa: fiondata imparabile, dalla sinistra, di De Oliveira (0-1). Un colpo di lametta che lo stesso brasiliano, 10’ dopo, ha bissato tra le proteste di capitan Ditommaso per una manata in faccia ricevuta nell’azione immediatamente precedente. Il siluro di Cujec, valevole l’1-2, ottenuto giocando col portiere di movimento, è servito solo per confermare che questo Italservice può giocare a testa alta con tutti.. Ulteriori info su www.pesarofano.it.

 

LA PHOTOGALLERY DI DANILO BILLI

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>