Santa Croce, attivata la nuova Dialisi

di 

17 dicembre 2012

FANO – E’ quasi tre volte la vecchia struttura, oltre 1000 metri quadrati di reparto con 21 posti letto, 2 studi per l’attività ambulatoriale e ambienti decisamente più confortevoli. Ecco la nuova struttura di Nefrologia e Dialisi del Santa Croce, finita e già attiva da questa mattina, lunedì 17 dicembre.

Il reparto del Santa Croce

I pazienti della struttura diretta da Simonetta Oliva erano già stati allertati e questa mattina molti di loro che si sono recati nel nuovo reparto per effettuare la consueta seduta, hanno potuto verificare con i loro occhi il cambiamento. Ma non è solo l’estetica a fare da padrona. Spiega il primario: “Il comfort ha la sua importanza – precisa  la dottoressa Oliva -: oggi abbiamo stanze molto più ampie, circa 8 metri quadrati per posto letto, dotate di televisori e un impianto di condizionamento migliore. Anche dal punto di vista organizzativo e assistenziale ci sono notevoli vantaggi: prima le stanze erano piccole e c’era spazio per un solo infermiere, oggi abbiamo ambienti di lavoro che consentono agli operatori di monitorare meglio i pazienti. Che non sono pochi se si pensa che la nostra struttura segue costantemente 60 pazienti che effettuano la dialisi extracorporea, 20 la peritoneale e oltre 1000 visite ambulatoriali ogni anno, più l’attività di integrazione con il territorio, in particolare con l’ospedale di Fossombrone e con quello di Pergola”. Un rinnovamento che secondo la dottoressa Oliva “ ci consentirà di ampliare l’offerta per tutti gli utenti della Provincia”.

 

Con il trasferimento della Dialisi nei nuovi locali, nella vecchia Dialisi si trasferirà nel nuovo anno la Medicina Riabilitativa, oggi situata al piano terra del blocco B. Qui verrà trasferito il Pronto Soccorso entro febbraio 2013 per consentire i lavori di riqualificazione al Padiglione Pupita.

Un commento to “Santa Croce, attivata la nuova Dialisi”

  1. ale scrive:

    mi cieco stiamo parlando di ospedale unico a fossosjore,che chissà quando sarà realizzato…e nel frattempo abbiamo speso un po di denaro per un nuovo reparto doppione di quello esistente a pesaro…non “bastava”potenziarne uno dei due?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>