Anche Pesaro in ansia per la sorte di Vittorio Missoni

di 

5 gennaio 2013

PESARO – Anche a Pesaro si vivono ore di grande trepidazione e paura per la sorte di Maurizia Castiglioni e Vittorio Missoni, figlio di Ottavio e Rosita, ma anche dei loro amici Elda Scalvenzi e Guido Foresti. I quattro sono scomparsi venerdì, a bordo di un piccolo aereo che volava da Los Roques, l’arcipelago delle vacanze, all’aeroporto di Caracas. Con i quattro italiani anche i due piloti ai comandi del bimotore britannico immatricolato con sigla YV2615, fabbricato nel 1968.

Vittorio Missoni

Vittorio Missoni (foto tratta dal web)

A Pesaro, Ottavio Missoni ha amici ed estimatori, a iniziare da chi ha origine dalmate. Il famoso stilista è nato a Zara e proprio venerdì pomeriggio si è parlato della splendida città dalmata in occasione della presentazione di Rok Stipčević, il nuovo playmaker della Scavolini, cresciuto propria a Zara. Tanti amici anche fra gli atleti over della provincia, a iniziare dal professor Graziano Bacchiocchi, presidente del Gruppo Atletica Effebi.

Un caro amico di Ottavio Missoni è il maestro Agostino Ercolessi. Ottavio e Rosita sono stati in città in diverse occasioni. L’ultima per ricevere il Premio Raffaello, assegnato loro a fine novembre 2011, dall’Alexander Museum. Nell’occasione, alla coppia è stato consegnato anche un importante riconoscimento del Circolo della Stampa di Pesaro presieduto da Elio Giuliani, che in passato ha intervistato più volte lo stilista durante le partite milanesi della Scavolini. Missoni è un grande appassionato di basket, legato all’Olimpia Milano grazie alla grande amicizia con Cesare Rubini.

Il sito di Radio Città riporta proprio la notizia del precedente incidente che, coincidenza tragica, avvenne il 4 gennaio 2008. Nell’aereo precipitato anche allora durante il volo da Los Roques a Caracas c’erano otto italiani. Fra questi i romani Fabiola Napoli e Stefano Fragione, romani, legati al mondo della radiofonia ed anche a Radio Città. Nessuno di loro è stato ritrovato.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>