Pistola: “A volte perdiamo fiducia, ma ci siamo ripresi”

di 

7 gennaio 2013

PESARO – Stati d’animo differenti, dopo che Lauren Gibbemeyer ha finalizzato l’ultimo attacco. Pesaro ha vinto contro Modena, per la seconda volta nella stagione, al tie-break. E coach Cuello non nasconde l’attorcigliarsi dei sentimenti…

Pistola e Muresan

“Brave loro a lottare, erano sotto 1-2 e hanno vinto. Noi abbiamo giocato molto bene tatticamente, fino a che ha resistito il fisico, senza gli abituali 20-25 punti di Agüero. Con lei sarebbe stata un’altra storia, ma venire qui e giocare una partita così, nella situazione ambientale in cui si sta allenando e giocando la mia squadra, mi fa levare il cappello. A loro dico: siete stupende. Mi auguro, anzi ne sono convinto, che questa settimana usciremo dai problemi. Così le ragazze avranno vinto la scommessa e il loro tenere duro sarà ripagato”.

Perché Harmotto e Agüero fuori?
“Harmotto non gioca da tempo causa un serio problema a una spalla. Contiamo di metterla in campo, piano piano, dalla prossima settimana. Agüero no perché ha avuto un problema a un menisco e deve sottoporsi domani (lunedì; ndr) a una risonanza magnetica; abbiamo preferito non rischiarla, perché ha una certa età. Ci sarà molto utile in seguito”.

Horvath?
“Ha avuto uno “scompenso”, le abbiamo dato una breva vacanza… Ci sono giocatrici che, vista la situazione, sono volute andare via, altre hanno scelto di restare. Horvath è fra le indecise e si può capire… Mi auguro che chi deve aiutarci lo faccia, perché il cuore che ha mostrato, anche a Pesaro, la nostra squadra, lo merita. Guardate che partita ha giocato Nati (Natalia Brussa, un’ex; ndr). Sono contento, anche se mi sarebbe piaciuto vincere”.

Perché lei è certo che nella settima in arrivo si risolveranno i vostri problemi?
“Il presidente ci ha detto che sono in arrivo notizie importanti per tirarci fuori. Ce lo auguriamo. Il nucleo principale di questa squadra ha tenuto duro”.

Se Cuello si interroga sul futuro e infonde coraggio alle sue ragazze, Andrea Pistola spiega cosa è accaduto dopo il primo set dominato…

“Abbiamo disputato un primo set molto buono sia per intensità che per attenzione. Poi siamo partite meno bene nel secondo, pure restando in partita fino a quota 20. Forse abbiamo pensato che loro fossero quelle del primo set e ci siamo adagiati mentalmente. Nei momenti determinanti del secondo parziale abbiamo subito la pressione, commesso errori, fatto scelte sbagliate. E quando succede così andiamo nel pallone. Di conseguenza abbiamo fatto anche peggio nel terzo set, con scarsa lucidità e troppi errori. A quel punto siamo tornati all’assetto che prevede Muresan in posto 4 e Kenny in due e le ragazze hanno ritrovato sicurezza, disputando quarto e quinto set su ottimi livelli…”.

La scelta sembra poco positiva, anche perché limita il gioco offensivo, che si riduce al solo posto 3 e toglie imprevedibilità.
“Stasera Kenny non è andata bene in 4, ma in altre situazioni aveva giocato bene in quel ruolo. Vediamo, il materiale è questo e vedremo settimana per settimana qual è la situazione migliore”.

Tra l’altro Muresan, che pure ha vissuto momenti difficili e non riusciva a mettere giù una palla, ha disputato un finale eccellente…
“La cosa strana che tutta la settimana si è allenata benissimo da opposta e stasera ha giocato male opposta e bene in 4… Le donne sono strane”.

Eccellente il lavoro del muro.
“Sì, abbiamo contenuto Modena lavorando bene a muro-difesa, ma anche a metterle in difficoltà variando i colpi in attacco, con qualche pallonetto e qualche palla più lenta. Loro sono una squadre eccellente in attacco, ma soffrono un pochino in difesa”.

Avete visto il fantasma del derby? In tribuna noi l’abbiamo notato.
“E’ il problema più grosso della squadra, che nei momenti di difficoltà perde fiducia in più elementi e raddrizzare la partita diventa difficile. Stasera ci siamo riusciti. Speriamo sia un segnale di maturità per il futuro”.

Una grande Tirozzi?
“Sono contento per la sua bella prestazione, anche se ricordo che Valentina è stata protagonista in altre occasioni, anche in casa. Lei si impegna molto in allenamento, tutti i giorni, e merita di fare bene”.

La Kgs torna subito al lavoro (lunedì pomeriggio seduta di pesi), perché mercoledì è in programma la gara di andata dei quarti di finale di Coppa Italia. Le pesaresi ospiteranno la Foppapedretti Bergamo: gara di ritorno domenica in Lombardia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>