Vis “bruttina” della diretta: è solo 1-1 contro l’Amiternina

di 

19 gennaio 2013

VIS PESARO – AMITERNINA 1-1

 

VIS PESARO (4-4-2): Foiera; Boinega, Paoli, Santini, Dominici; G.Torelli (4′ st Vicini), Ridolfi, Bianchi, Bugaro; Di Carlo (35′ st Rossini), Cremona. A disp.: Mumuni, Tonucci, Pangrazi, Omiccioli, Pezzullo. All. Magi

AMITERNINA (4-3-3): Spacca; D. Lenart, Varchetta, Valente, (1′ st Moauro) Picoli; Perfetti, Federici, Petrone; L. Lenart, Pedalino, Gizzi (29′ st Costantino). A disp.: Napoleoni, Di Francia, Schiano, Bocchino, Bamba. All. Angelone

ARBITRO: Diomaiuta di Albeno Laziale

MARCATORI: 18′ st Pedalino (A), 19′ st Paoli (V).

NOTE: Spettatori 1000 circa incasso non comunicatio, pioggia a tratti, terreno pesante. Ammonizioni: Dominici (V), Picoli (A), Federici (A), Cremona (V). Angoli: 5-6. Recuperi: pt 3, st 4

 

PESARO – Il bello della diretta è meno bello di quanto previsto: colpa del campo (pesantissimo), colpa dell’Amiternina (che intasando il centrocampo con una linea a 5 ha di fatto tolto l’aria a Ridolfi) e colpa di qualche sbavatura di troppo in molti interpreti. Nel giorno dell’anticipo televisivo su Rai Sport 1, con il Benelli tornato per un giorno sotto i riflettori importanti e comunque con tanti spettatori (circa 1000), la Vis impatta 1-1 contro l’Amiternina rispondendo al vantaggio di Pedalino (migliore in campo) con il terzo gol stagionale di capitan Paoli festeggiato, poi, alla “Totti”, col pollice in bocca, in onore di un suo amico prossimo alla paternità.

I tifosi pesaresi presenti oggi al Benelli

Peccato: sarebbe stata bello vedere questa partita su un campo asciutto. Abituiamoci: da qui a marzo potrebbe riaccadere. Certo, mancava Alberto Torelli (che ha giocato in mattinata il trofeo Roma Caput Mundi con la Nazionale U17: per leggere clicca qui), si è avvertita la mancanza della sua fisicità, dei suoi inserimenti e cambi di ritmo. E poi, con Bianchi già utilizzato in sala regia con Ridolfi, Magi non aveva più risorse tattiche da opporre 4-1-4-1 trasformista degli aquilani. C’era Omiccioli, ormai pronto, ma si è preferito non rischiarlo in un campo così pesante. Così, dopo un primo tempo di marca biancorossa, quando l’Amiternina ha cambiato il proprio vestito tattico, la Vis si è via via inceppata. Anche Ridolfi, con in tribuna il procuratore di Verratti, l’avvocato Donato Di Campli, uscito allo scoperto come molto vicino agli interessi del baby talento biancorosso, è rimasto ingabbiato tra fango e pochi metri di campo disponibili. Con questo punto la Vis sale a -1 dall’Ancona che domani non giocherà a Celano per neve (recupererà il 30 gennaio). Occasione persa.

LA CRONACA

Al 3′ Dominici vede Cremona che piomba sul pallone sul primo palo, Varchetta lo ostruisce ma l’arbitro non vede tocchi. Palla sul fondo.

Al 6′ Di Carlo manda in profondità Bugaro che invece di passare in mezzo tenta la conclusione sul primo palo: sfera fuori di poco.

Vis pericolosa sulle fasce.

Minuto 8: Cremona si allunga la palla sulla sinistra , Lenart D. non gli concede spazio, Cremona si allarga e perde il momento per l’assist giusto.

12′ Ridofi e Boinega dialogano sulla destra, sfera per Giorgio Torelli che sterza, mette in mezzo, per Bianchi che s’inserisce in area ma colpisce male facendo perdere la palla sul secondo palo: occasionissima.

Al 18′ Pedalino a sinistra, converge su Paoli, prova il tiro, smorzato. Foiera in uscita anticipa tutti.

Al 21′ Lenart buca a destra tra Dominici e Bugaro, taglia in mezzo ma Boinega sbroglia: brutte avvisaglie.

Al 28′ Dominici converge in area, viene toccato da Lenart sul piede destro. L’esterno biancorosso, che domani risponderà con Ridolfi alla chiamata della Rappresentativa di serie D, non protesta e viene ammonito. Le immagini chiariranno che Dominici non poteva che cadere a terra: era rigore.

Duro intervento di Federici: Cremona mette male la gamba e si tocca il ginocchio destro. Tanta paura ma poi tutto sembra risolversi per il meglio.

Secondo tempo: al 1′ rovescita di Pedalino alta di poco dal limite dell’area.

I due mister cambiano: Dentro Moauro e Vicini

La Vis? Si rivede al 12′ con una punizione-cross di Bugaro che Spacca devia in fallo laterale coi pugni. Un minuto dopo angolo di Ridolfi, Di Carlo sul secondo palo, in torsione, innesca la partata di Spacca in angolo

 

Capovolgimento di fronte fatale: Angolo dell’Amiternina sul primo palo, Pedalino tiene la palla, lotta con Boinega, resiste a Domici e, dalla linea di porta, col piede di Paoli a chiudere quasi ogni varco, di destro trova lo spiraglio sul prmo paolo: 0-1, Pedalino, minuto 18. Decima rete in campionato per l’attaccante ex Bellaria.

 

Al 19′ la Vis trova il pareggio: angolo di Bugaro, Paoli a centro area sovrasta Petrone che va ad ostacolare Spacca: è 1-1. Il capitano esulta alla Totti, con il pollice del bebè, in omaggio a un amico in tribuna prossimo a diventare papà.

 

Al 22′ occasionissima per Lucas Lenart: calcia libero sulla sinistra, palla sull’esterno della rete.

Al 25′ uscita di Foiera su Pedalino, che l’arbitro ferma per fallo su Santini: forse, però, il fallo non c’era. Pedalino, poi, va via a Paoli sulla destra calcia, sul secondo palo, Foiera non tocca, la palla viene smorzata dalla pozzanghera e termina fuori. L’arbitro inventa il tocco di Foiera, dando angolo.

Al 33′ Federici ci prova su punizione: Foiera respinge corto, Bugaro anticipa fallosamente Lenart. Ci poteva stare il rigore.

Al 36′ Ridolfi perde palla, Costantino si invola ma ottiene solo l’angolo. Poi, lo stesso Costantino, sfiora il gol, in mischia. Impreciso, ancora una volta, Foiera.

Al 46′ Ridolfi fa vedere finalmente le sue qualità: duetta con Cremona che gira per Vicini ma in posizione irregolare. L’attaccante calcia poi lentamente in porta: Spacca para a terra agevolmente. Ma se la palla fosse arrivata a Ridolfi, sarebbe stata un’azione regolare…

Ultima occasione al 95′: punizione di Bugaro, ancora un fuorigioco per Cremona.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>