Si apre il 2013 di Centrale Fotografia

di 

23 gennaio 2013

di Enrico Chiaretti

PESARO – Primo incontro dell’anno per l’associazione culturale fanese: appuntamento alla Mototeca Benelli di Pesaro per i “Pro e contro” di due grandi della fotografia italiana del ‘900, Mario Giacomelli da Senigallia e Luigi Ghirri da Scandiano.

Siamo a gennaio, per quelli di Centrale Fotografia è tempo di chiudere le attività intraprese durante il 2012.

In primavera, hanno organizzato il corso “Pesaro – Rimini”, dedicato a Luigi Ghirri, in cui ospiti illustri hanno trattato vari argomenti: temi storici e sociologici, dal riottoso vicinato tardo-medievale tra Marche e Romagne fino all’odierno cambio di provincia per i sette comuni dell’alta Valmarecchia. Temi letterari, come l’opera del “marchignolo” Fabio Tombari, poeta e scrittore best-seller, che ospitava il comando fascista in casa mentre nascondeva i compaesani ebrei in cantina.

Nelle uscite, gli iscritti hanno ripreso con le loro macchine fotografiche tutta la zona di confine, lungo la costa dalla bassa valle del Foglia al centro di Rimini, e l’entroterra fino a Casteldelci.

In autunno, hanno intrapreso un progetto ancora più ambizioso, in cui hanno percorso le Marche da nord a sud, sulle tracce dei maestri della fotografia: hanno visto le opere di Gaetano Baviera, che ritrasse Fano durante la bell’epoque, di Umberto Dolcini che ha visto Pesaro dal dopoguerra ad oggi, di Giuseppe Cavalli e la sua scuola (Mario Giacomelli, Ferruccio Ferroni, Riccardo Gambelli) che da Senigallia si sono affermati a livello nazionale ed internazionale.

A Corinaldo hanno visto le immagini di Mario Carafoli (1902 – 1986), che con la sua macchina Leica scattava fotografie per il suo lavoro di giornalista.

Ad Ancona hanno incontrato Fabio Ciceroni, autore del libro: “le Marche tra parola e immagine, autori marchigiani del ‘900″, in cui vengono in contatto letteratura, sociologia ed arti visive.

A Fermo hanno incontrato il fotografo Eriberto Guidi, classe 1930: le sue immagini in bianco e nero raccontano di una città verticale, vista spesso da sotto la collina o dall’alto dei tetti.

Mario Giacomelli, era un fotografo di Senigallia, che si faceva impostare la fotocamera dall’amico Ferruccio, che aveva paura a salire su un aereo, eppure che oggi tutti ricordiamo per la sua luce inconfondibile e le vedute aeree sui campi dopo il raccolto.

Luigi Ghirri, autore scomparso nel 1992 a soli 49 anni, ha saputo fare con il colore cose mai viste prima e da cui tanti hanno tratto e traggono ispirazione.

“Pro e Contro”
Mototeca Storica Marchigiana
Officine Benelli
via Mameli 22, Pesaro

Venerdì 8 febbraio, ore 21: Mario Giacomelli
Sabato 9 febbraio, ore 17: Luigi Ghirri
Ospiti: Tano D’amico e Diego Mormorio.

Per approfondire:
Centrale Fotografia – http://www.centralefotografia.com/
Mario Giacomelli – http://www.mariogiacomelli.it/
Luigi Ghirri – http://it.wikipedia.org/wiki/Luigi_Ghirri

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>