“Aguzzi e Fano Unita scelgono la strada del ricatto”

di 

26 gennaio 2013

 dal Comitato Pro Marotta Unita  riceviamo e pubblichiamo:

 

In merito all’assemblea indetta dal coordinamento Fano Unita ed alle gravi dichiarazioni fatte dal Sindaco di Fano e dal consigliere Luca Stefanelli, il comitato pro Marotta Unita intende replicare a quanto annunciato.

Ciò che ha lasciato stupefatti i pochi marottesi coinvolti nel voto intervenuti, sono state le minacce velate del sindaco nei confronti di Marotta, in particolare quelle di interrompere i servizi e soprattutto quello di non investire più nel nostro territorio. In particolare ci riferiamo alla decisione di non dar seguito agli investimenti già stabiliti per ristrutturare la scuola materna di Via Damiano Chiesa. La parole dette da un rappresentate istituzionale come è lui, che hanno il sapore di un ricatto, sono gravissime: i servizi ai cittadini devono essere garantiti a prescindere dalla data del referendum e soprattutto Aguzzi non può trincerarsi dietro ad esso per non garantire più gli investimenti necessari al normale svolgimento della quotidianità della nostra comunità, soprattutto i servizi fondamentali per i bambini.

Vorremmo inoltre replicare alle affermazioni false che Marotta perderebbe la sua farmacia, secondo quanto affermato dal presidente di Aset Holding Marino, non si tiene infatti conto che la nuova legge nazionale, recepita dalla Regione Marche, prevede che si possa istituire una farmacia ogni tremila residenti, quindi la struttura potrebbe essere tranquillamente gestita da altro personale e da un altro comune, garantendo il servizio.

Lo stesso Stefanelli, che sta confermando con le sue affermazioni che sta facendo un battaglia solo personale, ci rende sconcertanti da tanta tensione sviluppata durante la conversazione: termini e concetti contro Marotta mai sentiti prima, che ci preoccupano per quello che potrebbe fare durante la campagna elettorale.

Gravissimi, dal punto di vista democratico, gli episodi verificatisi durante l’assemblea dove sono state negate la possibilità di parlare a cittadini marottesi che volevano semplicemente esprimere alcuni pareri su quanto detto.

Molte delle affermazioni fatte da diversi esponenti sono palesemente false e mirano a diffondere paura tra coloro che dovranno decidere, e per le quali vogliamo fare chiarezza: i documenti potranno essere aggiornati senza alcuna spesa, l’accesso alla scuola materna ed elementare sarà garantito a tutti coloro che ne faranno richiesta, come fino ad oggi è stato garantito perché è un diritto sancito dalla legge e non dal Sindaco Aguzzi.

Lasciano sgomenti gli argomenti sollevati per non permettere l’unificazione di Marotta, ma il nostro Comitato continuerà con costante convinzione la sua opera di informazione e di collaborazione per garantire il normale e sereno svolgimento della campagna elettorale.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>