Mancinelli vicino a Sassari, l’ex Gaines da Obama

di 

26 gennaio 2013

PESARO – Le belle parole spese da Stefano Mancinelli per il Banco di Sardegna hanno acceso le lampadine nella società sassarese. E anche Meo Sacchetti un pensierino sul capitano della Nazionale lo ha fatto, se è vero che a fine allenamento, nella conferenza stampa dedicata alla partita casalinga con la Sutor Montegranaro, ha rilasciato dichiarazioni inequivocabili.

L'ex pesarese Corey Gaines e le Mercury alla Casa Bianca con il presidente Obama

“L’interesse di Mancinelli fa capire quanto la Dinamo sia diventata così importante. Solitamente sono gli allenatori che chiedono ai presidenti un giocatore, stavolta diciamo che si tratta di una via di mezzo. È il capitano della nazionale, non si discute e si adatterebbe al nostro gioco. Sto valutando la situazione con il mio staff tecnico soprattutto sotto l’aspetto del gruppo, perché è la nostra forza e dobbiamo stare attenti agli equilibri”.

Certo è che Mancinelli, che si tiene in forma allenandosi a Imola, non avrebbe più le pretese economiche di qualche mese fa, quando l’ex Emporio Armani era stato inseguito anche dalla Scavolini.

Intanto la Sidigas ha presentato Jaka Laković, il giocatore sloveno che dopo avere giocato nel Panathinaikos e nel Barcelona Regal era finito al Galatasaray Istanbul, con un contratto – raccontano colleghi catalani – di 1.200.000 dollari a stagione. Fuori dal gruppo da tempo, ha scelto di finire la stagione in Irpinia. Come su Mancinelli, anche per Laković c’era stato l’interessamento della Victoria Libertas. L’ha confermato, giovedì, coach Markovski.

“L’abbiamo contattato, gli abbiamo parlato e ne abbiamo discusso anche con il Galatasaray, ma quando i turchi sono entrati nei dettagli della richiesta economica ci siamo ritirati. Le cifre in questione era fuori dalle nostre possibilità. Di sicuro il giocatore sloveno è un elemento di grande valore”.

Anche l’Angelico Biella ha presentato l’ultimo arrivato, Kevinn Pinkney, che sarà in campo domenica a Pesaro. Si gioca alle ore 18,15, arbitri Chiari, Aronne e Martolini. Pesaro e Biella si sono affrontate 26 volte, con 14 vittorie pesaresi. Andrea Crosariol è a 1 partita dalle 250 presenze in serie A. Sul canale VL history channel, “Il botto di fine anno” 1994: Corey Gaines contro la Fortitudo Bologna, a cura di Claudio Iacchini. Oggi Corey Gaines allena le Phoenix Mercury, squadra femminile che fa parte della Wnba con la quale ha vinto il titolo e pertanto è stato ricevuto alla Casa Bianca dal presidente Barack Obama. Uno dei due assistenti di Gaines è Earl Cureton, pesarese mancato nella stagione 1983/84.

La sfida tra Scavolini e Angelico sarà trasmessa in diretta da Radio Città e in telecronaca differita da Tvrs, lunedì alle ore 21 sul canale 11 del digitale terrestre. La 17^ giornata (seconda di ritorno) propone le seguenti dirette televisive: chebolletta Cantù – Acea Roma, domenica alle ore 20 su Rai Sport 1, ed Enel Brindisi – Montepaschi Siena, lunedì, ore 20,30 su La7d e Sportitalia 2.

Siena ha giocato e vinto (63-57), con sofferenze impronosticabili alla vigila, contro il Besiktas Istanbul nella quinta giornata di andata delle Top 16 di Eurolega. Ancora una volta Daniel Hackett è stato determinante con 9 punti, 5 assist e una presenza incredibile in difesa. Con il successo di ieri sera, Siena è rimasta una delle due squadre imbattute. L’altra è il Real Madrid.

In Italia, però, sta crescendo la protesta verso la banca senese e le operazioni spregiudicate dei suoi dirigenti che hanno imposto un intervento di salvataggio da parte dello Stato che ha trasferito nelle casse del Monte la modica cifra di 4 miliardi di euro. Sono in molti a chiedersi se sia giusto che una banca in così grave difficoltà continui a distribuire tanti soldi al calcio e al basket.

Coloro che cinque mesi fa contestarono – in perfetto stile di chi non si informa, ma difende acriticamente un sistema, un amico, una squadra – un nostro articolo che poneva dubbi etici sul tema, ora sono serviti. Con la differenza che allora si parlava solo (si fa per dire) di un intervento abnorme del Governo Monti a favore del Monte dei Paschi, ma non si conosceva niente dei documenti nascosti sui derivati e i titoli tossici che hanno gettato nella frustrazione un’intera città e centinaia di migliaia di correntisti e azionisti corretti.

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>