Savelli (RC): “Ospedali, dalla Regione solo favole e contraddizioni”

di 

29 gennaio 2013

Dal Capogruppo R.C. Renzo Savelli riceviamo e pubblichiamo:

 

PESARO – Posto di fronte alla stringente critica del presidente del Comitato pro-ospedale Prof. Ivano Taddei e del vice Sindaco di Fossombrone Michele Chiarabilli contro la delibera n. 1696 del 3/12/2012, che trasforma gli ospedali minori in case della salute, l’Assessore regionale Mazzolani ha prontamente risposto.

Renzo Savelli

Il suo comunicato è tuttavia così fumoso, generico e contraddittorio che ha subito ricevuto sia le repliche critiche dal sindacato dei medici di base che della C.G.I.L. – Sanità.

A nessuno può sfuggire infatti la contraddizione quando l’Assessore Mezzolani afferma che la delibera serve per “mettere in sicurezza e garantire la qualità dei servizi sanitari più di quanto accade oggi”. Tradotto: “oggi i servizi sanitari non sono adeguatamente sicuri e sono discutibili per la loro qualità.” La conseguenza logica sarebbe attivare più risorse. Invece saranno di meno poiché “le Marche nel 2013 devono recuperare 185 milioni di euro di mancati trasferimenti statali”.

In sostanza ci racconta la favola bella che con meno soldi del 2012 e dal 2011 faremo molto di più nel 2013 e negli anni a venire. Chi ci crede fa un atto di fede!

L’assessore Mezzolani dimentica però di dire alcune cose importanti:

 

1) La determinazione del Dott. Ceccarelli del febbraio 2011 non è mai stata ritirata, ma solo sospesa poiché prevedeva la istituzione delle Case della salute.

2) Come sia possibile garantire più sicurezza e qualità riducendo la spesa per il personale a tempo determinato e limitando il turn-over.

3) Perché si insiste a tutti i costi sull’ospedale unico a Fosso Sejore, nonostante le non dimenticate critiche, alle quali non si è mai data risposta, mentre è necessaria una adeguata integrazione fra i due ospedali di Pesaro e Fano.

4) Il governo che ha tagliato con la famigerata “spending review” e con tagli lineari la spesa sanitaria anche di una regione “virtuosa” come le Marche era sostenuto anche dal PD, dal partito cioè del Presidente Spacca e dell’Assessore Mezzolani. Perché non ricordarlo?

5) A dicembre 2012 il Parlamento ha approvato a larga maggioranza la legge di stabilità che prevede per il 2013 l’aumento della militari per un miliardo. Non abbiamo sentito né la voce del Presidente Spacca né quella dell’Ass. Mezzolani contro questa scelta.

6) La coalizione PD-SEL vincerà le elezioni (e la lista INGROIA avrà una buon affermazione). Spacca e Mezzolani perché non si impegnano a chiedere al futuro Governo amico la modifica della spending review per le Regioni “virtuose”?

 

Contro le scelte della Regione riteniamo che sia importante avviare e organizzare la lotta per chiedere scelte diverse.

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>