La Kgs vince l’allenamento con Urbino. LE FOTO

 

KGS – CHATEAU D’AX 3-1

 

KGS ROBUR: Moreno Pino 12 (11/28, 39%; muri subiti 3, muri fatti 1), Gibbemeyer 10 (6/13, 46%; battute valide 1, ms 1, mf 3), De Gennaro (L: ricezioni 31, errori 1, 71% positiva, 42% perfetta), Lestini ne, Manzano 3 (2/8, 25%, ms 1, mf 1), Chirichella 11 (9/12, 75%, bv 1, mf 1), Dékány 1 (1/7, 14%; ms 1), Signorile 2 (0/1; bv 2), Tirozzi 19 (17/48, 35%; ms 3, mf 2), Muresan 8 (8/16, 50%; bv, ms 1). All. Pistola.

URBINO: Giombetti (L: ricezioni 7, positiva 57%, perfetta 29%), Negrini 8 (7/19, 37%; mf 2), Dugandžić 8 (6/15, 40%; mf 2), Van Hecke 24 (20/50, 40%; bv 1, ms 4, mf 3), Petrauskaite 14 (11/25, 44%; ms 1, mf 3), Croce (L: ricezioni 14, positiva 43%, perfetta 43%), Santini 2 (2/5, 40%), Partenio 2 (1/8, 12%; bv 1, ms 1), Gentili 2 (2/3, 67%), Dall’Igna (0/1), Angelelli, Leggs 5 (4/9, 44%; mf 1). All. Radogna.

PARZIALI: 25-23; 25-21; 21-25; 25-19 in 81 minuti..

STATISTICHE SQUADRA:

KGS: Battute 95, errori 6, ace 4. Ricezioni 73, errori 2, positiva 67%, perfetta 36%. Attacchi 133, errori 14, muri subiti 10, punti 54, 41%. Muri fatti 8.

CHATEAU D’AX: Battute 89, errori 16, ace 2. Ricezioni 89, errori 4, positiva 55%, perfetta 28%. Attacchi 135, errori 9, muri subiti 8, punti 53, 39%. Muri fatti 10.

PESARO – Non è un’amichevole, ma un allenamento congiunto. Non si ferma il gioco con i time-out. Urbino fa “esordire” Paola Croce, reduce dai disastri combinati dai dirigenti di Modena, Pistola manda a casa Valpiani, alle prese con l’influenza, e utilizza inizialmente al centro Manzano e Gibbemeyer. Radogna si affida alla solita immarcabile Van Hecke.

L’avvio è in equilibrio, ma sul 6 pari Urbino ha sbagliato due battute. La Kgs va sul più tre (11-8), malgrado una grande difesa di Croce. Registriamo uno splendido attacco di Kenny che schiaccia dietro la centrale, come se fosse una pipe, ma dalla zona 3. Due errori delle colibrì restituiscono l’equilibrio a quota 16. Pesaro ancora a più 2, ma il muro ducale chiude bene su Manzano ed è ancora parità. Che si ripete su una freeball di Van Hecke che colpisce in posto 3 con De Gennaro fuori. Una fast di Dugandzić regala due set ball. Urbino salva il primo con un attacco della centrale croata, ma Kenny Moreno Pino, che a fine allenamento distribuisce le bomboniere del recente matrimonio, chiude 25-23.

Parte benissimo la Kgs (5-1), che doppia Urbino (12-6) con un gran muro di Kenny. La Chateau d’Ax prova a rientrare, Pesaro difende 4 punti di vantaggio (20-16), Urbino accorcia grazie a due errori delle colibrì (20-18). A chiudere il set (25-21) ci pensa Gibbemeyer, che prima è murata, poi mette a terra la fast.

Nel terzo set, Pistola dà spazio a Chirichella per Manzano. Radogna utilizza Leggs e Gentile al centro. Urbino inizia con altro piglio e vola a più 4 (1-5). Un momento di paura per Monica De Gennaro, centrata da una pallonata e subito soccorsa dalla fisioterapista Lisa Baldelli. Monica deve lasciare il campo. Punto dopo punto, la Kgs recupera e impatta a quota 8. Monica rientra quando il tabellone indica 13-12 interno. Pesaro va avanti di 2, ma Urbino recupera. Un gran momento di Chirichella propizia il più 3 (20-17), ma ancora una volta – come accade troppo spesso – le colibrì subiscono un brutto parziale (1-8). Leggs è incontenibile e manda in archivio il set: 21-25.

Muresan opposto, Dèkàny al posto di Kenny. Il servizio di Chirichella e le difficoltà ducali danno il 17-8. Partenio prova ad accorciare con il turno in battuta, ma poi sbaglia. La Kgs controlla e sulla battuta errata di Leggs chiude set (25-19) e allenamento congiunto. Ora le due squadre devono pensare alla sfida alle piemontesi: Urbino a Giaveno, Pesaro in casa con Chieri, l’unica che ha battuto le colibrì impegnate in trasferta.

LE FOTO A CURA DI DANILO BILLI:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>