PesaroFano, ad Aosta un’impresa a metà

di 

3 febbraio 2013

AOSTA – ITALSERVICE PESAROFANO 3-1 (0-1 p.t.)
AOSTA: Boche, Traglia, Turelo, Bellafiore, Barcellos, Rosa, Costa, Lucianaz, Egea, Concio, De Lima, Gozi. All. Fea
PESAROFANO: Corvatta, Fraboni, Bracci, Sabatinelli, Vitale, Cujec, Cresto, Ganzetti, Pieri, Anselmi. All. Osimani
ARBITRI: Fabio Gelonese (Milano) e Costantino Andriotto (Adria), crono Chiara Perona (Biella)
MARCATORI: 1’29’’ Cujec (PF) del p.t.; 3’07’’ Rosa (A), 15’10’’ Egea (A), 19’25’’ De Lima (A) del s.t.
AMMONITI: Vitale (PF)

 

Un timeout dell'Italservice PesaroFano nella gara persa con l'Aosta

Un timeout dell'Italservice PesaroFano nella gara persa con l'Aosta all'andata

AOSTA – Peccato. L’impresa, ad Aosta, è durata solo un tempo. Il vantaggio lampo firmato da una prodezza di Cujec, sempre più pezzo pregiato di questa Italservice PesaroFano, è stato spezzato al 3’ della ripresa: la squadra di Osimani, con soli 10 giocatori in distinta, senza gli squalificati Ditommaso e Dalle Molle, ha poi retto sull’1-1 fino a 5’ dalla fine.

Sarebbe stato comunque un gran risultato. Anche perché ottenuto segnando, fuori casa, contro l’attuale miglior difesa del campionato. Meritato il vantaggio di Cujec, arrivato al termine di un pregevole lavoro “di boa” del giovane anconetano Ganzetti: lo sloveno, a rimorchio, ha impallinato il portiere aostano nell’angolino.

Ottimo anche l’impatto dell’altro under Sabatinelli e il contributo di Anselmi in porta. Le rotazioni limitate in casa PesaroFano, però, alla lunga si sono fatte sentire anche se il sorpasso di Egea, dopo il pareggio di Rosa, è arrivato solo con l’applicazione della classica legge del “gol sbagliato, gol subìto”: l’Italservice, per merito dell’estremo difensore Gozzi, non ha saputo concretizzare un’azione da due contro uno con Cujec e Vitale, e sul ribaltamento di fronte è arrivato il 2-1 per i padroni di casa.

I restanti 5’ minuti sono stati giocati col portiere di movimento: il successivo timbro di De Lima, nelle ultimissime battute di gioco, ha chiuso definitivamente i conti facendo fare la voce grossa a chi, oggi, si ritrova in piena zona playoff ma contro la giovanissima banda Osimani, per quasi tutta la partita, ha dovuto sudare parecchio.

L’Italservice, con questa seconda sconfitta di fila e complici i risultati delle dirette concorrenti come Belluno, Lecco e Gruppo Fassina, scivola ai margini della zona playout e sabato, in casa, se la dovrà vedere contro la lanciatissima New Team Fvg. Ulteriori info su www.pesarofano.it.

Tags: , , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>