Bracconaggio e trappole, il Fap incolpa le istituzioni

di 

6 febbraio 2013

Dal Fronte di Azione popolare della Provincia di Pesaro e Urbino riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato di accusa alle istituzioni sui fenomeni di bracconaggio e trappole:

 

PESARO – A fronte dei fenomeni di bracconaggio e trappole sui quali si è alzata l’attenzione dopo i recenti avvenimenti accaduti in provincia, interviene il movimento locale Fronte di Azione Popolare Pesaro e Urbino”. Parla il presidente del movimento Giacomo Rossi, che dice: “La questione del bracconaggio e delle trappole è molto delicata. Non si può assolutamente giustificare nessuna forma di trappola (lacci, tagliole, eccetera) in quanto è palese che lo stesso ignobile meccanismo provoca la morte dell’animale con atroci sofferenze. Da un lato però, c’è da dire che lo svilupparsi della soppressione non autorizzata di alcune specie (che non definirei bracconaggio vero e proprio), è fortemente dovuta al mancato controllo e alla mancata selezione che rimane compito delle istituzioni. I mancati pagamenti dei danni per esempio, sui quali è anni ed anni che si discute senza che nessuno trovi una soluzione, fanno si che molti fenomeni di abbattimenti non autorizzati siano opera degli stessi agricoltori ed allevatori, costretti a tutelare le proprie coltivazioni ed i propri bestiami. Le vittime di questa mala gestione dunque, sono gli animali e coloro che da essi subiscono danni; nemici e vittime allo stesso tempo. Tutta questa situazione ha un responsabile; le istituzioni, con a capo Provincia e Regione che hanno il compito di dover gestire e controllare il nostro patrimonio faunistico. Ci auspichiamo che si riapra subito un dibattito serio sull’argomento affinché si arrivi ad ottenere delle soluzioni certe al problema. Ci auguriamo inoltre che si possa stringere la morsa sulle trappole e sul bracconaggio vero e proprio (quello che invece definirei “sportivo”), sperando che tutti gli organi di controllo (es. Cras) siano messi nelle condizioni ottimali di operare”.

Tags: , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>